arte

  • Joan Mirò - Cifre e costellazione amorose di una donna
    Articolo di: 
    Alberto Balducci

    Sabato 9 Ottobre 2010 si è inaugurata la seconda grande mostra del Palazzo Blu di Pisa, dove, dopo quella dedicata a Chagall dell’anno scorso (in un ciclo triennale dedicato al rapporto di questi artisti con il Mediterraneo), si aprono le porte all’esposizione di 110 opere del pittore catalano, tra diversi mezzi espressivi: pittura, scultura, litografia, poesia.

  • Vincent Price
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Vampiri e lupi mannari, fantasmi e zombi: queste quattro figure amatissime dal cinema fin dalle sue origini, presenti dai secoli più remoti nel folklore di tutte le culture, da Occidente a Oriente, sono le protagoniste della mostra Diversamente vivi, che si tiene al Museo del cinema di Torino, presso la Mole Antonelliana in via Montebello, fino al 9 gennaio 2011.

  • Porta Celeste
    Articolo di: 
    Marco Nicoletti e Tiziana De Angelis

    Parco e reti Web, alberi e wireless: due artisti realizzano un’opera complessa con radici nel mondo reale e diramazioni nel mondo virtuale. A Milano in Viale Fulvio Testi al Parco Nord, è questa la sede dell’innovativa opera d’arte intitolata Porta Celeste. Gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera, su progetto di Marco Pellizzola, docente dell’Accademia, hanno adornato di mosaici un grigio pilastro e l’hanno trasformato in un simbolo stellare.

  • Marc Chagall
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Come si fa ad entrare dentro un sogno? Forse in punta di piedi mentre Beckham dorme nel video di Sam Taylor-Wood oppure osservando le tele immaginificamente bluastre di La Famille di Chagall. Il tappeto cromatico e felpato per osservare questi ricordi onirici si distende nella Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia per il Teatro del Sogno Da Chagall a Fellini dal 25 settembre 2010 fino al 9 gennaio 2011 a cura di Luca Beatrice.

  • Ebru Erülkü
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Apre al MACRO di Testaccio il Fotografia Festival Internazionale di Roma fino al 24 ottobre 2010 che si snoderà in plurime direzioni in istituti culturali e gallerie per lo più sparse per il perimetro centrale di Roma tra cui Lo Crudo Cocido all’Istituto Italo-Latino Americano con rispettivo premio. Gli autori che abbiamo esaminato nell’ambito del tema centrale delle Futurperspectives, sono tutti centrati sul tessuto urbano e le sue trasformazioni, soprattutto riguardo a dominazioni eco tecnologiche di distruzione e preservazione.

  • La bellezza del monte Yan Dang
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    I cento anni dell’Accademia Xiling L’arte dei sigilli cinesi, viene festeggiata nella sede della Calcografia costruita da Valadier ed ancora attiva per quanto riguarda la stampa delle oltre 23.000 matrici patrimonio della Stamperia. I 100 sigilli cinesi in mostra rappresentano i 190 paesi che sono stati ospiti dell’Expo di Shangai nel 2008: ad ogni paese è dedicato un sigillo ed un timbro che ha ricevuto in regalo stampato su carta. Nella mostra aperta fino al 30 settembre 2010 è presente una serie di dipinti di raro pregio eseguiti seconda l’antica tradizione cinese.

  • Giovanni Fattori contadina fra i pioppi.
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Dal 25 aprile al 26 settembre 2010 e da poco prorogata fino al 31 marzo 2011 Montepulciano (SI) ha ospitato una mostra dedicata ai  Macchiaioli che ha avuto una grande affluenza di pubblico, segno tangibile del grande interesse verso questo movimento artistico dell'ottocento. La mostra è stata ubicata in parte al Museo Civico, che ha sede nel trecentesco Palazzo Neri Orselli e accoglie la Pinacoteca Crociani (180 dipinti donati da Francesco Crociani).

  • Rivelino I Nostri Silenzi
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    I Nostri Silenzi di Rivelino giungono a Roma il 16 settembre 2010: le dieci statue colate in bronzo a cera persa stazioneranno su Via delle Magnolie, all’interno del rappresentativo parco di Villa Borghese, insieme ad un cubo con le scritte in braille coniuganti il tempo presente di “stare zitti”, per toccare con mano che l’obiettivo è piuttosto coinvolgere e far parlare.

  • Bill Viola The Innocents
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Vi è un’opera al MACRO di Via Reggio Emilia a Roma, in comodato dalla collezione di Claudia Gian Ferrari che andrebbe attentamente osservata mentre si ascolta l’Opening di Mishima di Philip Glass (1985): The Innocents di Bill Viola (1951). Il trillio dei frammenti di vetro che perdurano nel November 25: morning, creano un clima rarefatto che apre alla mistica dello svanimento dei due adolescenti ritratti nel video del 2007.

  • Giorgio De Chirico
    Articolo di: 
    Teo Orlando

    Il Palazzo delle Esposizioni di Roma ha dedicato, a cura di Achille Bonito Oliva, un’interessante mostra retrospettiva (9 aprile – 11 luglio 2010) a Giorgio de Chirico (Volos, Grecia, 1888-Roma, 1978), sia per suggellare il centenario della pittura metafisica (il cui atto “ufficiale” di nascita si colloca nel 1910 tra Firenze e Parigi, con il quadro L'enigma di un pomeriggio d'autunno), sia per concludere le celebrazioni per i trent’anni dalla morte del pittore, cominciate nel 2008.