arte

  • Radu Popescu
    Articolo di: 
    Saloni Kaul

    In this day and age when sparkling wine in the form of prosecco, spumante or champagne flows like water at exhibitions when they open I was immensely surprised to have a group of artists who’d come all the way from Rumania with their most recent production look disheartened at the meagre attendance their show in Rome fetched, a show that had sailed along without so much as a formal opening, inaugural speeches or the proverbial clinking of glasses.

  • Alessandro Papetti
    Articolo di: 
    Saloni Kaul

    Should anyone think improvisations on themes and lines of themes are only the prerogative of instrumentalists, they have only to see what Alessandro Papetti has come up with in his larger than life size paintings on water, wind and the woods. Quite like a singer who takes advantage of his liberty to improvise on any or all parts of the line that take his fancy, he set about harnessing the energies of these in shaping his gigantic circular monoliths as 360 degree oils on canvas. With fascinating variations in his brushstrokes that ranged from emphatic and sweeping as statements to subtle and delicate as in water colour he made his declarations imaginatively exciting and artistically palatable.

  • Chimera
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il viaggio tra più di cento artisti laziali ospiti del Padiglione Lazio della Biennale di Venezia a Roma a Palazzo Venezia che si protrarrà fino al 22 settembre 2011, si profila come ampia e diversificata, anche nell'ala dedicata alla Fondazione Roma che ha contribuito con un fondo (€ 150.000) e degli artisti di sua scelta (14 in totale. La cura della mostra è di Vittorio Sgarbi per un totale di 130 opere selezionate.

  • Photo Alessia Cerqua © for LAV
    Articolo di: 
    Saloni Kaul

    Soon after the marvellous exhibition focussing entirely on donated Origami by artists and fashion designers such as Renato Balestra auctioned at the Centrale Montemartini for the Japanese cause, the Margutta RistorArte run by Tina and Claudio Vannini, which appears to champion causes, hosted a photographic exhibition From Trauma To Life by Alessia Cerqua, an architecture graduate-turned-photographer teaching at the Experimental Photography Centre ‘Ansel Adams’.

  • Giuseppe Ragazzini
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Spazio all'arte grafica e fotografica, comprese altre tecniche, per Il grande gioco di Enzo e Giuseppe Ragazzini alla Galleria Opio5 fino al 31 agosto 2011 nell'ambito del 36° Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano. Il padre Enzo, famoso fotografo degli anni '70, si associa al figlio che invece parte dal digitale per finire alla pittura con collage e riesplorare la grafica in nuove versioni.

  • Jan Saudek
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Due mostre stimolanti alla Mondo Bizzarro Art Gallery di Roma: Jan e Sara Saudek nella gallery principale, mentre le opere in stencil del romano Lucamaleonte nella nuova Project Room: la prima mostra, a cura di Barbara Collevecchio, è in esposizione fino al 4 settembre; mentre la seconda, a cura di Marta Gargiulo, fino al 14 agosto 2011.

  • Tomas Saraceno
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Negli spazi del MACRO di Roma, ideati da Odile Decq una serie di installazioni-esposizioni per l’estate si susseguono ovunque, tra queste quelle di Tomas Saraceno nella Sala ENEL e le due di Adrian Tranquilli, una sopra la Sala Conferenza, l’altra sulla terrazza. Cloudy Dunes. When Friedman Meets Bucky on Air-Port-City di Saraceno a cura di Luca Massimo Barbero; e All is violent, all is bright di Tranquilli e a cura di Gianluca Marziani, resteranno in esposizione fino al 30 ottobre 2011.

  • Xu Longsen
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Fino al 24 luglio 2011 la mostra del cinese Xu Longsen. dall’alto di due imperi ci accoglie al Museo della Civiltà Romana a cura di Angelo Capasso, nel quartiere EUR della Capitale. I suoi “tendaggi” gigantici in sfumature di bianco di nero, di grigi ovattati, insieme a dei raffinatissimi quadretti dorati, ci conducono in atmosfere sognanti, riecheggiando Hokusai e Hiroshige, in bianco e nero.

  • Ezio Gribaudo - Flano
    Articolo di: 
    Alberto Balducci

    Spesso una mostra si limita a mostrare opere (quadri, statue…), poche riescono, o vogliono, mostrare la persona e le motivazioni che hanno portato quell’individuo alla creazione esattamente di quell’opera – e non di altro. Ciò significa comprendere che le opere sono frutto di una personalità e possono anche avere sì vita propria, ma sono comunque emanazioni dirette di colui/ei che le ha generate. Escludere questo significa limitare la comprensione dell’arte in oggetto, o (al limite peggiore) imporre la propria idea a priori. Questo viaggio nella persona come artista è ciò che abbiamo nella mostra dedicata a Ezio Gribaudo al Lu.C.C.A., curata da Stefano Cecchetto e Maurizio Vanni, aperta fino al 28 Agosto 2011.

  • Commedia col commento di Cristofaro Landino
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Un excursus a Palazzo Incontro a Roma, sul nostro primo "linguista" e poeta in italiano, Dante: per riaffermare ancora una volta l’unità della nostra penisola nell’anno del settecentocinquantenario, attraverso i primi manoscritti e le prime stampe, dal '300 fino al XX secolo, tutte di proprietà di Livio Ambrogio che, insieme alla Casa di Dante di Roma e al Centro Pio Rajna - Centro di studi per la ricerca letteraria, linguistica e filologica, ha organizzato una mostra in collaborazione con Civita e con la Libreria antiquaria Philobiblon, aperta dal 21 giugno fino al 31 luglio 2011. Il catalogo, compensivo di tutte le illustrazioni, e con la cura tra gli altri di Enrico Malato e Andrea Mazzucchi, è pubblicato dalla Salerno Editrice.