arte

  • de chirico
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Fino al 25 agosto prossimo la GAM, Galleria di Arte moderna, di Torino in via Magenta 31 presenta la mostra Giorgio de Chirico. Ritorno al Futuro, Neometafisica e Arte Contemporanea, dedicata a uno dei pittori più innovatori del Novecento.

  • venaria
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    La nuova stagione di mostre alla reggia di Venaria inizia con Art Nouveau il trionfo della bellezza, allestita presso le Sale dei Paggi e di scena fino al 26 gennaio dell'anno prossimo.

  • 12_©olivierotoscani.jpg
    Articolo di: 
    Giulio de Martino

    Bella e importante la mostra che si vede a Ravenna al MAR dal titolo: Più di 50 anni di magnifici fallimenti. Sono 150 fotografie curate da Nicolas Ballario che ci ricordano la vivacità creativa e la potente carriera di uno dei maggiori fotografi italiani del ‘900: Oliviero Toscani.

  • Cathy Berberian in Stripsody
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Il corpo della voce. Carmelo Bene, Cathy Berberian, Demetrio Stratos sarà ospitata fino al 22 giugno a Palaexpo di Roma, è a cura di Anna Cestelli Guidi e Francesca Rachele Oppedisano e promossa da Roma Capitale - Assessorato alla crescita Culturale. È una mostra con una insolita protagonista: la voce come potenzialità sonora, in un percorso che partendo dai dati anatomici e fisiologici presenta le diverse esperienze di ricerca espressiva di tre grandi artisti: Carmelo Bene, Cathy Berberian, Demetrio Stratos.

  • acqua
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Fino al 1° settembre prossimo il MAO, Museo d'arte orientale di Torino in via San Domenico 11 presenta la mostra Goccia a goccia dal cielo cade la vita, dedicata al rapporto tra la cultura islamica e l'acqua.

  • Palazzo Barberini. Ala sud. Sala Roma 1670-1750
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    L'Ala sud di Palazzo Barberini si è ricongiunta al resto del museo tre anni fa dopo una gestione del Ministero della Difesa durata più di ottant’anni, ora dopo un lungo restauro accoglie una parte della collezione permanente in un nuovo allestimento. In precedenza l’Ala sud aveva accolto da maggio a ottobre 2018 la mostra prodotta dalle Gallerie Nazionali in collaborazione con il MAXXI, Eco e Narciso, che metteva a confronto arte antica e arte contemporanea con opere provenienti dalle collezioni dei due musei nazionali.

  • Leonardo
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Cinquecento anni fa ci lasciava Leonardo da Vinci, uno dei grandi geni dell'arte e non solo: in sua memoria sono molte le mostre e gli eventi in programma, tra cui spicca La bottega di Leonardo, a Torino a Palazzo Cavour fino al 12 maggio prossimo.

  • La Maja desnuda
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Per tre giorni soltanto, il 15, 16 e 17 aprile, il primo vero museo moderno spagnolo, summa delle arti figurative europee, sarà mostrato al cinema in tutto il suo splendore ed incanto: ma non solo lui, infatti la storia del Museo del Prado iniziata nel 1819, due secoli orsono, ha coinvolto anche il Palacio Réal di Madrid e il Monastero dell'Escorial, che si trova a circa 45 km dalla capitale, il palazzo reale che Filippo II ha fatto costruire da Juan Bautista de Toledo negli anni '60 del '600.

  • archeologia
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Fino al 6 gennaio 2020 il Museo Egizio di Torino ospita la mostra temporanea Archeologia invisibile, un progetto espositivo che vuole far incontrare scienza e antichità, in un'ottica di ricerca moderna sull'antico Egitto le altre civiltà.

  • Pompeo Molins, Rovine dell'Acquedotto Claudio, 1868 ca.
    Articolo di: 
    Nica Fiori

    La fotografia acquista un po’ della dignità che le manca quando cessa di essere una riproduzione della realtà e ci mostra cose che non esistono più. Questa frase di Marcel Proust (da All’ombra delle fanciulle in fiore, 1919), che leggiamo a Palazzo Braschi nell’ambito dell’esposizione “Roma nella camera oscura. In mostra al Museo di Roma le fotografie della città dall’Ottocento ad oggi”, rende in parte quel senso di curiosità, o di nostalgia, per qualcosa che non c’è più, che proviamo davanti alle immagini di Roma immortalate dai primi fotografi ottocenteschi.