cinema

  • L'amore all'improvviso
    Articolo di: 
    Sara Ficocelli

    L'amore non conosce spazio né tempo, è l'alchimia per eccellenza, l'irrinunciabile sogno che ci accompagna da quando siamo bambini fino al giorno della morte. E' questa la premessa che Robert Schwentke, regista di Un amore all'improvviso (titolo originale Time traveller's wife, dall'omonimo libro di Audrey Niffenegger), pone allo spettatore.

  • Il compleanno
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Presentato a Venezia 66, Il compleanno di Marco Filiberti è uno di quei film inscindibili dalla musica e l’inizio con una citazione dal Tristano e Isotta di Wagner, il duetto del II atto con le scenografie autentiche di Ezio Frigerio, lo dimostra in pieno. Il leit-motiv di amore e morte wagneriano percorrerà sotterraneamente tutto il film, punteggiato da sintomatici rimandi narrativi della colonna sonora composta da Andrea Chenna.

  • G.I. Joe - la nascita del Cobra
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Ritmo serrato e alta tensione continua per tutto il film: ecco come si presenta l’action movie G.I. Joe la nascita del Cobra diretto e prodotto da Stephen Sommers (Van Helsing e La Mummia con Brendan Fraser qui in una particina) ed i personaggi creati dalla Hasbro.

  • Kakraki/Comegliscampi
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Una parata per la morte di Gogol è il sogno con cui inizia il primo lungometraggio presentato a Venezia 66 il 3 settembre di Ilya Demichev, giovane regista russo di Kakraki/Come gli scampi. Il paradosso sarà la cifra con cui leggere il candidato dalla Settimana Internazionale della Critica nel bicentenario della nascita di Gogol.

  • S.Darko
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Chris Fisher al posto di Richard Kelly, la sorellina Samantha al posto di Donnie, il coniglio che ritorna tramite un meteorite. La versione odierna di un viaggio nel tempo che soltanto a tratti la colonna sonora, con due brani storici dei Dead Can Dance - The Carnival is over e Heaven or Las Vegas -, riesce a obnubilare.  

  • Flash of Genius
    Articolo di: 
    Teo Orlando

    Negli ultimi anni sono sempre più diffusi i film appartenenti a quel genere chiamato in gergo cinematografico bio-pic, termine inglese derivante dalla contrazione del sintagma biographic motion picture, ossia “film biografico”. Flash of Genius, diretto da Marc Abraham (ricordiamo Children of Men, I figli degli uomini, del 2006, un distopico film di fantascienza apocalittica), è sulla battaglia legale dell'inventore dei tergicristalli elettrici, Robert Kearns.

  • Ghost Town
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il regista David Koepp (Secret Window con Johnny Depp del 2004) si dà ad una commedia agrodolce con impianto soprannaturale, Ghost Town. Con Ricky Gervais, Greg Kinnear e Téa Leoni, narra la storia di un dentista solipsista che, dopo un’esperienza di pre-morte, sarà inseguito da una torma di defunti per tutta la città.

  • Buddenbrooks
    Articolo di: 
    David Dori

    Dal 6 all’11 luglio si è svolto a Roma la principale kermesse internazionale di presentazione dedicata alla fiction tv, il RomaFictionFest che è ormai alla sua 3ª edizione. Il nostro inviato David Dori ha seguito per intero la rassegna.

  • Notorius
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Tra Bad Boy e Death Raw il nuovo film di George Tillman Jr., ovvero Notorius, si può dire quasi agiografico nei confronti del rapper Notorius B.I.G., di cui narra la storia, ed in cui non solo Jamal Wooland, bensì tutti gli altri protagonisti del film omonimo, sembrano delle copie stilate dei veri, ed alcuni viventi, protagonisti. Da Lil’Kim a Faith Davies fino a Puff Daddy ed al defunto Tupac Shakur, al centro della vicenda della morte del rapper di Brooklyn.

  • Harry Potter e il Principe Mezzosangue
    Articolo di: 
    Milvio Delfini

    Ambientazione sempre più gotica. Colori sempre più lividi. Ed una consapevolezza del male che circonda il mondo magico, sempre maggiore. Di questo male ben percepibile, palpabile, è intriso tutto l'ultimo film della saga, Harry Potter e il Principe Mezzosangue.