libri

  • Maledizione della ragazza pirata
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    L’hanno definito l’Alice in wonderland del XXI secolo: pur essendo una storia diversa, giustamente e meno male, contiene la stessa forza visiva e la stessa costruzione di mondi dell’opera di Carroll, con le ovvie differenze. La maledizione della ragazza pirata è una graphic novel sui generis ideata da Jeremy A.Bastian e presentata in italiano da 9L, la linea di fumetto d’autore della Panini Comics che affianca le altre collane dedicate alle nuvoli parlanti più seriali.

  • Fama tardiva di Arthur Schnitzler
    Articolo di: 
    Eleonora Sforzi

    Un'uscita editoriale particolarmente affascinante, quella del romanzo postumo di Arthur Schnitzler, pubblicato da Guanda nel maggio scorso con il titolo, denso di significato, di “Fama tardiva”. Si tratta di un testo in cui il celebre scrittore austriaco - scomparso nel 1931 - conferma ai lettori che già ne conoscono lo stile narrativo, molto influenzato dagli studi legati alla psicoanalisi, una moderna capacità di tratteggiare i personaggi delle vicende e, soprattutto, il loro spessore psicologico, che molto spesso deve essere colto "leggendo tra le righe".

  • Karen Sander
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    La città di Düsseldorf viene sconvolta da una serie di omicidi, che coinvolgono persone diverse, da un transgender che viveva sul marciapiede ad un’avvocatessa con un segreto legato alla sua vera identità, e il commissario Georg Stadler inizia a indagare su questi fatti. Al suo fianco arriva la psicologa criminale Elizabeth Montario, già collaboratrice della polizia, che inizia a ricevere messaggi e telefonate da parte di qualcuno che probabilmente è emerso da un passato che vorrebbe dimenticare. Qualcuno che potrebbe colpirla anche molto da vicino, qualcuno che è sulle sue tracce e che non si fermerà davanti a niente: questo racconta Muori con me di Karen Sander, apena edito da Giunti editore.

  • Pietroburgo
    Articolo di: 
    Carlo Taddeo

    Una grande città come San Pietroburgo, se attraversata dagli occhi di un poeta, diventa luogo formicolante di eventi (reali e/o immaginari) nonchè uno spazio saturo di possibilità incredibili. Allo stesso modo che in Puškin, Gogol e Dostoevskij, anche qui troviamo una miriade di incantesimi, accadimenti inverosimili, allucinazioni, inganni e deliri evanescenti. Se Mosca è la capitale politica e, da sempre, il centro strategico della Russia; San Pietroburgo ne è l’ombra letteraria, un vero e proprio “mito”, come hanno rilevato i maggiori studiosi. Lo è certamente in questo romanzo di Andrej Belyj, più conosciuto da poeta simbolista, ma non meno dotato come prosatore.

  • Little
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Il thriller continua ad essere un genere amato, e da qualche tempo la prima persona nella narrazione non stride, come nel caso di Finché sarò tua figlia di Elizabeth Little, traduzione non fedelissima dell’originale Dear Daughter, storia di un’indagine per scoprire la verità da parte di una protagonista anomala, non una poliziotta o una detective.

  • The moon
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Trecento anni fa esatti moriva a Versailles Luigi XIV, detto il Re Sole, un’icona della Storia e della grandezza del potere assoluto, criticato e demolito dalla Rivoluzione francese in poi e non certo a torto, ma capace con la sua corte di affascinare ancora l’oggi. Al cinema c’è il britannico Le regole del caos, storia della costruzione di uno dei boschetti della reggia di Versailles, con un ottimo Alan Rickman che dirige e interpreta il re, mentre presto arriverà un Re Sole un po’ inedito, interpretato da Pierce Brosnan, in The moon and the sun, in uscita quest’autunno, tolto dall’omonimo romanzo ucronico di Vonda N. McIntyre, uscito nel 1998 e finalmente tradotto in italiano da Gargoyle.

  • Il porto proibito
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    La Bao Publishing presenta nel suo catalogo Il porto proibito, saga marinaresca e in stile feuilleton d’avventura scritta a quattro mani da una coppia artistica e nella vita, Teresa Radice e Stefano Turconi. Un tuffo in una storia classica e innovativa allo stesso tempo che non lascia certo indifferenti, un ritorno al passato e alla tradizione della narrazione poderosa e ampia con un nuovo linguaggio espressivo e visivo.

  • Aldo Cazzullo
    Articolo di: 
    Giuseppe Talarico

    Negli ultimi anni una corrente storiografica ha fornito e dato nuove interpretazioni della guerra civile che tra il 1943 e il 1945 divise in modo lacerante e doloroso gli italiani in nome di un revisionismo approssimativo, le cui conclusioni spesso hanno sconcertato alcuni studiosi. Aldo Cazzullo, scrittore e giornalista autorevole del Corriere della Sera, ha scritto un libro bello, profondo e documentato, nel quale viene descritta questa vicenda storica con equanimità, scrupolo storiografico e rispetto assoluto delle fonti e della verità storica. Il libro di Aldo Cazzullo è intitolato Possa il mio sangue servire ed è edito dalla Rizzoli.

  • Trono
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    In attesa che il signor George R. R. Martin si decida a scrivere gli ultimi due capitoli della saga di Game of thrones o meglio della Saga del Ghiaccio e del Fuoco, e mentre ogni episodio della serie tv diventa un caso sociale e culturale, con polemiche, discussioni e fandom in fermento con ogni sviluppo della trama, anche i più scomodi, il panorama editoriale del nostro Paese propone due saggi, di taglio diverso, che si aggiungono ad altri libri usciti in questi ultimi anni in tema.

  • Traditori
    Articolo di: 
    Giuseppe Talarico

    Volgere lo sguardo verso il passato offre la possibilità di comprendere sia l’origine del mondo moderno sia la natura umana. Marcello Flores, storico di fama e saggista straordinario, è l’autore di un libro bellissimo, intitolato Traditori. Una storia politica e culturale, pubblicato in Italia dalla casa editrice Il Mulino. Il libro affronta il tema del tradimento tenendo presene due àmbiti fondamentali, nei quali l’indagine storica è indirizzata, sia quello pubblico,  vale a dire le vicende politiche dal mondo antico alla Prima guerra mondiale, sia quello privato, ovvero le opere letterarie che hanno rappresentato l’adulterio.