libri

  • Piemonte e Valle d'Aosta Misteriosi
    Articolo di: 
    Marco Ragni

    Come potremmo vivere in una dimensione totalmente razionale, quando siamo circondati di mistero da tutte le parti?”, si chiedeva lo scrittore Carlo Sorglon, ricordando che la stessa scienza non fa altro che alzare la soglia di quanto è incomprensibile. Che la si pensi o meno come il letterato friulano si deve comunque ammettere che i fatti anomali e difficilmente spiegabili sono cibo prediletto della curiosità. Ecco perché opere come Piemonte e Valle d'Aosta Misteriosi, vademecum realizzato da Maurizio Bonfiglio e edito da Castelvecchi, calamitano immancabilmente l'interesse dei lettori.

  • Profezia
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    La copertina, con una doppia statua in stile vittoriano presa dal cimitero di Highgate a Londra (dove, tra gli altri, è sepolto Karl Marx), promette bene: La profezia delle inseparabili, primo libro di un'annunciata trilogia scritta dall'autrice statunitense Michelle Zink, vuole inserirsi nel filone di successo del gothic per adolescenti (o young adults, se si preferisce), anche se obiettivamente con alcune novità nella trama.

  • Lucifer Over London, di Antonello Cresti
    Articolo di: 
    Alberto Balducci

    L’Inghilterra è da sempre nazione prolifica per la musica “popolare”, anche se viene ricordata per lo più per i Beatles, il punk, e al limite la New Wave of British Heavy Metal dei primi ’80. In verità la proverbiale eccentricità albionica ha dispensato una miriade di figure rivoluzionarie e tutt’altro che superficiali in ogni deriva musicale e intellettuale. Nel suo libro, Cresti conduce un’esplorazione circostanziata della scena controculturale che ha dato i natali a progetti come Throbbing Gristle, Current 93, Death In June, Coil… la cosiddetta industrial music e l’apocalyptic folk.

  • Beata Beatrix
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Suoi sono i lineamenti, gli occhi azzurri e i capelli, rosso biondi, che illuminano la maggior parte dei ritratti femminili di Dante Gabriel Rossetti (Londra, 1828 - Birchinton on Sea, 1882), uno dei fondatori del movimento dei Preraffaelliti, pittori dell'Inghilterra vittoriana che volevano rifarsi all'arte classica e antica: Elizabeth Eleanor Siddal (Londra 1829-1862), pittrice e poetessa anche lei, legata da una passione oltre la morte con Rossetti che poi sposò nel 1860, due anni prima della sua morte, è un'icona romantica non del tutto dimenticata, presente in maniera ossessiva nelle opere del marito e non solo. Il fumettista italiano Marco Tagliapietra ricostruisce la storia di questa ribelle tragica e sensuale, infantile e corrotta, nella graphic novel Elizabeth.

  • Pennacchi
    Articolo di: 
    Giuseppe Talarico

    Il libro di Antonio Pennacchi Canale Mussolini, pubblicato da Mondadori, a cui è stato assegnato quest'anno il premio Strega, incanta e coinvolge il lettore per bellezza e profondità della narrazione. Diviso in tre parti, descrive e racconta le vicende della prima metà del Novecento italiano, delineando un vasto affresco storico al cui centro vi è la famiglia Peruzzi. Il libro ha un notevole valore poiché offre una chiave di lettura assai significativa, grazie alla quale si comprendono l’origine e le cause che diedero vita al fenomeno fascista nella storia d’Italia.

  • Calvino
    Articolo di: 
    Maria Francesca Ponzi

    “Stai per cominciare a leggere il nuovo romanzo Se una notte d’inverno un viaggiatore di Italo Calvino. Rilassati. Raccogliti. Allontana da te ogni altro pensiero. Lascia che il mondo che ti circonda sfumi nell’indistinto.” (Italo Calvino, Se una notte d’inverno un viaggiatore, Einaudi, Torino, 1979, p. 3). È proprio così che inizia l’ultima opera dell’autore, quella che maggiormente sintetizza i nuclei concettuali della sua poetica.

  • Leopardi-Citati
    Articolo di: 
    Giuseppe Talarico

    L'ultimo libro di Pietro Citati, Leopardi, appena pubblicato da Mondadori, si presenta come una monografia critica che appartiene alla migliore tradizione della saggistica letteraria Italiana, dato che il critico interpreta e spiega con grande capacità di analisi l’opera poetica e filosofica del poeta e filosofo recanatese.

  • Seme del male
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Nel 1989, molto prima di diventare l'autrice del best seller Chocolat, Joanne Harris si era cimentata in una storia gotica e horror con Il seme del male (The Evil Seed in edizione originale), che fu pubblicata in Gran Bretagna ma non ottenne il successo sperato. Ad oltre vent'anni di distanza, in un momento in cui vampiri e dintorni sono a dir poco inflazionati, questo primo esperimento gotico torna in libreria in tutto il mondo, e si può scoprire il contributo di una delle autrici contemporanee più popolari ad un tema eterno ma spesso trattato con sciattezza e poco interesse, oltre che in situazioni ripetitive, stereotipate e poco rispettose della vera mitologia del signore della notte.

  • The Tyger
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Dopo l'amore oltre le leggi del tempo e dello spazio de La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo, Audrey Niffenegger racconta una nuova storia tra paranormale e sentimenti, tra atmosfere gotiche e viaggi tra la vita e la morte con Un'inquietante simmetria, che vede il suo titolo preso da un verso di William Blake*, poeta del fine Settecento inglese studioso di occultismo e riscoperto dal movimento gothic moderno.

  • Philip Roth
    Articolo di: 
    Giuseppe Talarico

    Fra i più grandi scrittori del nostro tempo Philip Roth occupa una posizione di primo piano, poiché è l’autore di libri indimenticabili e bellissimi come Pastorale americana (American Pastoral) e La macchia umana (The Human Stain). Nei suoi ultimi libri, come Everyman e Il fantasma esce di scena (Exit Ghost), ha saputo con inarrivabile bravura e profondità descrivere la decadenza fisica di ogni individuo e la provvisorietà della condizione umana. Appartiene a questa categoria di opere letterarie e a questa ispirazione estetica il suo ultimo romanzo intitolato L’umiliazione (The Humbling), pubblicato in Italia dalla Einaudi con l'ottima traduzione di Vincenzo Mantovani.