Teatro dell'Opera di Roma. Dal trepak di Nureyev al brivido di Forsythe