Il maestro Grosso tra Torino e Cambiano