Adelphi. Gadda e la cognizione del dolore