Opera di Roma. La vedova allegra tra lustrini e banche venete