E poi c'è Katherine. L'ironia 2.0