Il femminismo di Bombshell, la voce dello scandalo