Editoriale. Goebbels: manipolazione come cancellazione del dissenso