La documentalità secondo Maurizio Ferraris. Oggetti sociali e tracce indelebili