Torino. Giò Pomodoro tra arte e scultura a Palazzo Accorsi

Articolo di: 
Elena Romanello

Fino al 10 settembre prossimo la Fondazione Accorsi Ometto di Torino a Palazzo Accorsi omaggia Giò Pomodoro con la mostra Gio’ Pomodoro. L’opera scolpita e il suo disegno. Nel percorso espositivo, non antologico ma pronto a raccontare i momenti fondamentali della vita dell’artista le sculture dialogano con le opere pittoriche su carta, per sottolineare l’assoluta importanza che l’artista attribuiva al progetto e all’ideazione.

Amsterdam Van Gogh Museum. L'intensità dell'inquietudine

Articolo di: 
Livia Bidoli

E' del tutto impossibile non pensare a Vincent Van Gogh (1853-1890) se si visita Amsterdam: il più grande prestito permanente per un unico pittore diventato celebre dopo la sua morte, è stato conferito al Museo Van Gogh dalla Fondazione Van Gogh: 200 quadri; 500 disegni e 4 quaderni di schizzi e la quasi totalità delle sue lettere. Si percorre la vita di Vincent dal suo primo autoritratto fino a quello col suo orecchio bendato, che ricorda del periodo con Gauguin trascorso nella “casa gialla” di Arles, dove il pittore francese lo ritrasse mentre dipingeva (Paul Gauguin, Vincent Van Gogh mentre dipinge i Girasoli, 1888) i famosi Girasoli del 1889.

Accademia di Francia a Roma. L'immersione nell'Arte a Villa Medici

Articolo di: 
Livia Bidoli

Negli spazi all'aperto ed al chiuso dell'Accademia di Francia a Roma di Villa Medici, lo scorso 13 luglio c'è stata la prima presentazione dei progetti su cui i borsisti hanno lavorato durante il periodo in villa: una sorta di laboratorio permanente dedicato al progetto L ORO, che ha preso il titolo di Swimming is Saving, come ad emergere dall'acqua dopo una lunga nuotata immersiva. Proseguirà la presentazione nei progetti sia il 15, che il 18 ed il 20 luglio a ondate successive e performance uniche.

ArtCity a Castel Sant'Angelo. E lucevan le stelle

Articolo di: 
Livia Bidoli

Nella gradita cornice del “Castello” dei romani, quello che chiamano proprio così da principio senza riferirvisi altrimenti, ha inizio l'estate romana con nuove aperture, delle tre sale decorate dal massimo artista italiano del Liberty: Duilio Cambellotti, per la prima volta sono state aperte al pubblico oggi in anteprima, nel mausoleo dell'imperatore Adriano che dà sul Lungotevere da una parte e San Pietro, cui è collegato da dei passaggi segreti, dall'altra.

Torino. Dai 60 ai 60 al Museo del Risorgimento

Articolo di: 
Elena Romanello

Il Museo del Risorgimento di Torino di piazza Carlo Alberto presenta una nuova mostra temporanea non inerente la Storia, come al solito, o non solo la Storia, ma per parlare di arte in una prospettiva legata comunque alla Storia. Fino al 17 settembre si parla di due periodi messi a confronto, gli anni Sessanta dell'Ottocento che portarono all'Unità d'Italia e gli anni Sessanta del Novecento e del boom economico con la corrente della Pop Art.

Torino. Colori tra GAM e Castello di Rivoli

Articolo di: 
Elena Romanello

La GAM e il castello di Rivoli presentano, fino al 23 luglio prossimo, la mostra L'emozione dei colori nell'arte per raccontare come artisti dal Settecento in poi si sono confrontati con una materia che dava forma a sogni e creatività.

Milano MUDEC. Kandinskij e la forma del colore

Articolo di: 
Livia Bidoli

Al MUDEC a Milano una mostra dedicata a Vasilij Kandinskij, Il cavaliere errante, a cura di Silvia Burini e Ada Masoero dal 15 marzo al 9 luglio 2017, racconta il periodo di raccordo tra figurazione ed astrattismo, partendo dalle radici spirituali della Russia popolare ed evidenziando quel punto di passaggio che è stato il 1889 con il trasferimento del giovane pittore (nato a Mosca nel 1866) nel governatorato del Vologda, nel nord ovest della Russia.

Palaexpo. Gli Eroi dolenti di Baselitz

Articolo di: 
Daniela Puggioni

La mostra Georg Baselitz. Gli Eroi, che resterà al Palazzo delle Esposizioni fino al 18 giugno 2017, è nata dalla collaborazione tra prestigiose istituzioni museali, è, infatti, un progetto avviato dallo Städel Museum di Francoforte e realizzato in collaborazione con Azienda Speciale Palaexpo Roma, Moderna Museet Stoccolma, Museo Guggenheim Bilbao.

Un enigma caravaggesco. I Santi Quattro Coronati

Articolo di: 
Nica Fiori

Il dipinto raffigurante i Santi Quattro Coronati, ospitato fino al prossimo 8 maggio 2017 nella Galleria Spada nell’ambito dell’iniziativa “Ospiti della Spada”, è indubbiamente affascinante e allo stesso tempo enigmatico. Già attribuito a Caravaggio, è da un secolo oggetto di dibattito critico sia riguardo l’autore, sia riguardo la data di esecuzione che dovrebbe collocarsi tra il 1610 e il 1620. Per questo motivo il 21 marzo scorso si è tenuta una giornata di studio intitolata “Intorno ai Santi Quattro Coronati. Ipotesi a confronto”, durante la quale sono state argomentate le diverse tesi specialistiche che si sono concentrate, nel tempo, sul quadro.

Rosso veneziano. Il potere dell’arte a Palazzo Barberini

Articolo di: 
Giulio de Martino

Dopo aver dato vita al polo unificato delle Gallerie Nazionali di Arte Antica Barberini e Corsini, i due grandi musei romani si sono proposti al pubblico degli appassionati con due piccole ma intense mostre temporanee, risvegliando così l’attenzione per le rispettive collezioni permanenti.