teatro

  • Nel cammin della sua vita
    Articolo di: 
    Teo Orlando

    Mercoledì 9 dicembre 2015, il Teatro Palladium ha visto la messa in scena di un singolare spettacolo: “Nel cammin della sua vita. Biografia scenica del Sommo Poeta”. Raffinata ricerca teatrale e incomparabile perizia filologica si sono incontrate per celebrare il 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri, con un progetto universitario interdisciplinare che ha coinvolto studenti, dottorandi e docenti dei Dipartimenti di Studi Umanistici e di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell’Università Roma Tre. Lo spettacolo, nato da un’idea di Dario Pisano e Giulio Carlo Pantalei, autori rispettivamente del testo e delle musiche originali, era già stato rappresentato in una forma più scarna e tendente al monologo in altre scene teatrali romane.

  • Relazione per un'accademia - Giuliano Brunazzi
    Articolo di: 
    Teo Orlando

    Il 12 dicembre 2015 al Teatro Sala Uno di Roma è andato in scena Una relazione per un’accademia, monologo teatrale liberamente ispirato all’omonimo racconto di Franz Kafka (Ein Bericht für eine Akademie, apparso nel 1917 sulla rivista di Martin Buber “Der Jude”) e interpretato da Giuliano Brunazzi, il quale ha anche diretto la pièce con encomiabile senso della scena e perfetta comprensione del testo del grande scrittore praghese.

  • Dear Horizon
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il 3 dicembre ha aperto Tersicore, la rinomata rassegna di danza diretta da Daniele Cipriani presso l'Auditorium Conciliazione: il debutto assoluto a Roma del Royal New Zealand Ballet diretto dal 2014 dall’italiano Francesco Ventriglia, ha presentato una kermesse di quattro balletti dalle coreografie moderne ed originali introducendoci ad una terra sconfinata ed alle sue origini.

  • Solfrizzi in scena
    Articolo di: 
    Alessandro Bravi

    Autore forse un po’ dimenticato, questo Georges Feydeau, drammaturgo francese, considerato, dopo Molière, uno dei più grandi autori della commedia francese, di cui abbiamo visto la rappresentazione di Sarto per signora, in scena al Teatro Nuovo di Verona dal 24 al 29 novembre 2015.

  • I Bassaridi
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    L'inaugurazione della stagione 2015-2016 del Teatro dell'Opera di Roma è nel segno del sacro, al di là di qualsiasi concetto di religio: Euripide, tradotto nel libretto di uno dei massimi poeti inglesi del Novecento, Wystan Hugh Auden, insieme a Chester Kallman, danno vita sullo specchio riflesso della partitura di Hans Werner Henze (elaborata su richiesta del Salzburger Festpiele nel 1966 per il Großes Festspielhaus, il gigantico teatro dedicato all'opera), a The Bassarids, che dal 27 novembre fino al 10 dicembre godranno della regia, profondamente misterica, di Mario Martone; sul podio il direttore ungherese Stefan Soltesz.

  • Il flauto magico
    Articolo di: 
    Alessandro Bravi

    Con Il flauto magico di Wolfgang Amadeus Mozart la Fondazione Arena di Verona ha concluso la stagione 2014/2015, in attesa di inaugurare la prossima il 13 dicembre con La forza del destino di Giuseppe Verdi.

  • Pink Floyd Legend
    Articolo di: 
    Teo Orlando

    Sabato 21 novembre 2015 i Pink Floyd Legend hanno dato vita a uno scintillante spettacolo che ha avuto come venue lo “storico” Auditorium della Conciliazione, che fino al 2001 ospitava i concerti di Santa Cecilia prima che si trasferissero definitivamente all’Auditorium Parco della Musica. 

  • Decamerone
    Articolo di: 
    Alessandro Bravi

    La rassegna del cosiddetto “Grande Teatro” ha avuto inizio a Verona al Teatro Nuovo martedì 10 ottobre con il “Decamerone, Vizi, Virtù, Passioni” con l’adattamento e regia di Marco Baliani. Liberamente tratto da quello che viene comunemente considerato un capolavoro della narrativa trecentesca italiana, il Decamerone di Giovanni Boccaccio, ha visto Stefano Accorsi, uno dei beniamini del cinema italiano, nelle vesti di un capocomico di una sgangherata compagnia teatrale che gira il contado in una specie di camper altrettanto traballante.

  • Coppélia
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Al Teatro dell'Opera di Roma, Coppélia, dal 30 ottobre al 7 novembre 2015, uno dei balletti più ricercati a firma di Roland Petit, ripreso da Luigi Bonino e con la direzione d'orchestra di David Garforth. Nella parte di Coppelius tre ballerini in alternanza: Luigi Bonino, Denys Ganio e Manuel Paruccini; nella parte di Swanilda si alternano invece Alessia Gay e Susanna Salvi; in quella di Frantz sono Alessio Rezza, Giacomo Luci e Alessio Coviello. Le scene ed i costumi sono di Ezio Frigerio.

  • Sergio Rubini
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Al Teatro Argentina, nell'unica serata del 25 ottobre, Sergio Rubini sul palco e la regia e i testi di Valerio Cappelli con Mario Sesti, hanno inscenato Finalmente Truffaut, una drammaturgica lettura delle lettere di Truffaut a André Bezin, il suo amico critico fondatore dei Cahiers du Cinéma e per lui “padre spirituale”, ma anche a Jean-Luc Godard odiato-amato; ai suoi genitori, aprendo lo spettro attraverso la partecipazione di Mario Sesti sul palco, ad una dinamica repentinamente a due.