teatro

  • Fidelio foto (c) Michele Borzoni / TerraProject / Contrasto’
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Il 78° Maggio Musicale Fiorentino è stato aperto dal Fidelio di Ludwig van Beethoven. Zubin Mehta, sul podio a dirigere l'orchestra e il coro del Maggio Musicale Fiorentino, ne ha dato una superba interpretazione, che si avvalsa del magnifico allestimento, curato in tutti gli aspetti da Pier’Alli.

  • Der Park
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Dal 5 al 31 maggio l'Argentina ha avuto un regalo da Peter Stein: Der Park, l'opera tratta dal Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare che Botho Strauss scrisse per lui nel 1983 e che venne messa in scena da Stein nel 1984 a Berlino nella Schaubühne am Lehniner Platz con Bruno Ganz e Jutta Lampe. L'allegoria sul mondo contemporaneo messa in scena allora, oggi si arricchisce di una rilettura italiana (in traduzione) e contemporanea sul vanificarsi dei rapporti d'amore, su un “sogno” che lascia il posto alla degenerazione ed al disorientamento in un percorso labirintico che fa convergere in questo capolavoro una messe di attori.

  • Quirino Doppio sogno
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Da una tradizione come quella stabilita da Arthur Schnitzler (1862-1931), dalle cui opere sono stati tratti altrettante pièces teatrali quanto film, la Fräulein Else di Paul Czinner del 1929, fino al più conosciuto Eyes Wide Shut da Doppio sogno, 1926 il libro, 1999 il film di Kubrick uscito postumo, è difficile allontanarsi con agilità per darne una originale rilettura alla luce della contemporaneità. La Compagnia Molière di Giancarlo Marinelli la espone al Teatro Quirino di Roma dal 7 al 19 aprile 2015.

  • The River
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il Teatro dell'Opera di Roma risplende nel balletto contemporaneo con un trittico che parte da metà Novecento per arrivare ad una prima assoluta di Dwight Rhoden, creata reato appositamente per il Corpo di Ballo del Teatro dell'Opera di Roma: dal 9 al 16 aprile, il trittico  formato dalle coreografie dipinte sui corpi dei ballerini dell'Opera da Ailey, Limòn e Rhoden che calcano il palcoscenico con l'Orchestra del Teatro dell'Opera diretta da David Levi.

  • Carmen
    Articolo di: 
    Marianna Dell'Aversana

    Il rumore delle onde del mare riecheggia dolcemente fino a quando l’immagine di un uomo ripiegato su se stesso si staglia dall’oscurità del palco del Teatro Argentina. Inizia così lo spettacolo della Carmen, rappresentato all’Argentina dal 18 marzo al 19 aprile, riadattato dalla regia di Mario Martone. Il testo di Mérimée rivive sulla scena del teatro romano grazie alla sapiente riscrittura di uno dei più importanti drammaturghi del nostro tempo, Enzo Moscato, mentre le musiche di Bizet vengono abilmente trasfigurate dall’Orchestra di Piazza Vittorio con sonorità inedite.

  • Johann Sabastian Bach
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    La Basilica di San Pietro di Perugia e la sua impareggiabile acustica sono state la perfetta cornice della trascinante esecuzione del Ciclo Pasquale di Johann Sebastian Bach; ne sono stati protagonisti i giovani del Junges Stuttgarter Bach Ensemble e Solisti della Bachakademie Stuttgart diretti da Hans Christoph Rademann.

  • Cagnetta.jpg
    Articolo di: 
    Teo Orlando

    Il giorno 26 febbraio 2015 presso il Teatro Elettra di Roma è andato in scena "La Cagиetta", uno spettacolo teatrale scritto da Edoardo Carboni, ispirato alla celebre storia di Laika, il primo animale che i sovietici spedirono nello spazio, il 3 novembre 1957, a bordo della capsula spaziale Sputnik 2 (anche se il suo vero nome era Kudrjavka, "ricciolina").

  • Fabio Maestri
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    La stagione di concerti dell'Università di Roma Tor Vergata ha presentato, mercoledì 25 febbraio 2015, un concerto dedicato a due giganti della musica barocca Händel e Monteverdi. l'Orchestra Roma Sinfonietta che ha suonato con strumenti barocchi è stata diretta Fabio Maestri. Il concerto è stato diviso in due parti, una esclusivamente strumentale, dedicata a Händel, la seconda in forma scenica, incentrata su Monteverdi.

  • Carmina Burana
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Al Teatro dell'Opera di Roma dal 14 al 20 febbraio un dittico di balletti molto particolare: Carmina Burana di Carl Orff e Le chant du rossignol di Igor Strawinskij, entrambi diretti da David Coleman sul podio e con il Maestro Gabbiani direttore del Coro, sono per il Rossignol una riscoperta e finalmente un progetto compiuto con Lorca Massine alla coreografia; mentre i Carmina Burana sono una nuova creazione di Micha van Hoecke nella coreutica insieme ad i costumi di Emanuel Ungaro.

  • I Puritani foto Paolini-TerraProject
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    All'Opera di Firenze dal 28 gennaio al 10 febbraio 2015 è andata in scena I Puritani di Vincenzo Bellini, una produzione con luci, quelle musicali, e ombre, quelle della regia e della messa in scena. I Puritani, opera seria in tre atti, di Vincenzo Bellini andò in scena il 24 gennaio 1835 al Théâtre Italien, il libretto del conte  Carlo Pepoli,  poeta bolognese in esilio in Francia, è basato su un testo teatrale Têtes rondes et Cavaliers di J.A.F. Ancelots e J.X.B.Saintine, che aveva avuto l'anno precedente un grande successo. Il titolo iniziale, infatti, fu  I Puritani e i Cavalieri poi abbreviato a I Puritan. L'opera ebbe un tale esito trionfale, che Bellini ricevette la Legion d'onore, ma lo sfortunato musicista morì il 23 settembre dello stesso anno, probabilmente di una gastroenterite mal curata.