teatro

  • Poe Suite
    Articolo di: 
    Teo Orlando

    Sabato 31 gennaio 2015 il Teatro Due di Roma ha ospitato una singolare performance del duo composto da Vittoria Faro alla voce recitante e da Raffaele Pallozzi al pianoforte: si è trattato della cosiddetta “Poe Suite”, ossia della recitazione, accompagnata e inframmezzata da musiche originali per pianoforte, di due dei racconti più celebri del maestro dell’horror classico, Edgar Allan Poe, sotto la sapiente regia della compagnia Testacciolab.

  • Werther
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Al Teatro dell'Opera di Roma è tornato Werther, il capolavoro del romanticismo goethiano messo in musica da Jules Massenet: l’allestimento, dell’Oper Frankfurt, con scene e costumi di Wolfgang Gussmann, vede sul podio il Maestro Jesús López-Cobos mentre la regia è firmata da Willy Decker. La prima del 18 gennaio proseguirà le sue recite fino al 29 ed il cast è di prima categoria con Francesco Meli nella parte di Werther, Jean-Luc Ballestra come Albert e Veronica Simeoni in quella di Charlotte.

  • Go down, Moses
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Appena si legge il titolo dello spettacolo di Romeo Castellucci al Teatro Argentina di Roma dal 9 al 18 gennaio 2015, ossia Go down. Moses, vengono in mente prima la canzone omonima di Louis Armstrong, con il seguente Let my People go, e successivamente, la famosa raccolta di novelle considerate dal suo stesso autore un romanzo unitario, William Faulkner, che recita proprio “Go down, Moses”, stessa grafia e stessa ortografia.

  • Schwab
    Articolo di: 
    Teo Orlando

    Il Teatro Salauno di Roma l’11 gennaio 2015 ha visto la rappresentazione scenica dell’adattamento di Fäk Fek Fik. Le tre giovani, tratto da un testo del drammaturgo austriaco Werner Schwab, morto nel 1994 a soli 35 anni, in seguito a una sorta di “semisuicidio” per overdose di sostanze alcoliche.

  • Zakharova e Lobukhin
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il 10 e l'11 gennaio scorso un evento speciale ha acceso di stelle l'Auditorium di via della Conciliazione a Roma: Les Étoiles della danza Svetlana Zakharova e Mikhail Lobukhin, del Bolshoi, le stelle principali, insieme ad altri due ballerini del Bolshoi, la giovanissima Anastasia Stashkevich con Vyacheslav Lopatin; dal Royal Ballet di Londra i sudamericani Marianela Nuñez e Thiago Soares, argentina lei e brasiliano lui, compagni anche  nella vita); e dall'Hamburg Ballet Silvia Azzoni e Oleksandr Ryabko, un'altra coppia nella vita. La serata è sta a organizzata da Daniele Cipriani Entertainment.

  • Lo Schiaccianoci
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Al Teatro dell'Opera di Roma il balletto per antonomasia, Lo Schiaccianoci  su musiche di Pëtr Il’ic Čajkovski, ha aperto la nuova stagione di balletto il 18 dicembre 2014, chiudendo lo scorso 4 gennaio con un enorme successo di pubblico. L’allestimento è quello creato per il Teatro Costanzi nel 1997 e vede la coreografia di Amedeo Amodio, le scene e i costumi di Emanuele Luzzati; alla direzione dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma il Maestro Nir Kabaretti. I cinque cast internazionali che si sono alternati sul palcoscenico del Costanzi vanno da Ashley Bouder, Principal Dancer del New York City Ballet, fino a Maria Yakovleva, First Soloist della Wiener Staatsoper.

  • Francesca Aspromonte e Alessandro Quarta foto di Barbara Andolfi
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Nell'ultimo concerto del 2014, il 18 dicembre, l'Accademia Filarmonica Romana ha proposto un capolavoro, l'oratorio Giuditta di Alessandro Scarlatti, nella trascinante esecuzione di Alessandro Quarta, alla guida del complesso da lui fondato, Concerto Romano

  • Michele Cesari ne La Danza nelle Tenebre
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Vaslav Nijinsky (1889 – 1950 ) è una icona leggendaria, artista apollineo, per la sua levità degna di un Ariel, ma anche interprete ambiguo e dionisiaco e coreografo innovatore, è stato uno straordinario protagonista dei mitici Ballets Russes creati da Diaghilev.

  • Le notti bianche
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Al Teatro San Genesio di Roma, il regista e primo attore Claudio Capecelatro presenta un'edizione poetica de Le notti bianche di Fedor Dostoevskij dall' 11 al 23 novembre 2014. Sembra quasi di essere entrati in quella notte quasi alla luce del giorno di San Pietroburgo: quel periodo immacolato che dal 26 giugno fino al 2 luglio di ogni anno illumina a giorno le notti della città russa più vicina al Golfo di Finlandia, e che per un periodo si muta in estiva residenza del giorno.

  • Carmen al Sodre
    Articolo di: 
    Roberto Begnini

    Anche il SODRE Auditorio Nacional Adela Reta di Montevideo ha voluto rendere omaggio alla Carmen di Bizet, in vista dei suoi 140 anni dalla prima messa in scena (1875-2015). Con più di 6.500 biglietti venduti in pochi giorni, l'opera è stata presentata in sei spettacoli dal 31 ottobre al 9 novembre, coinvolgendo più di 200 artisti sul palco, tra cui solisti internazionali, l'Orchestra Sinfonica e il Coro del Sodre e un Coro di voci bianche composto per l’occasione da studenti di varie scuole di musica di Montevideo.