Gothic Network 19 Anno VII 26 marzo - 2 aprile 2015 Numero doppio

Prossima uscita 9 aprile 2015

  • Alexander Romanovsky
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    A Santa Cecilia tre serate dedicate a Sibelius per il 150° della nascita ed omaggiando altrettanto Sergej Rachmaninoff che, prima di ascoltare Sir Pappano dedicarsi alla Sinfonia n.2 del compositore finnico, dà spazio al poema sinfonico di Rachmaninoff che rivive dopo un secolo a Santa Cecilia – il 1916 diretto da Toscanini -, ovvero L'isola dei morti ispirata dal quadro omonimo di Arnold Böcklin e seguito dal Concerto n. 1 per pianoforte ed rochestra con al piano l'ucraino Alexander Romanovsky.

    »

  • Autoritratto di Bernini anziano
    Articolo di: 
    Nica Fiori

    Genio indiscusso del barocco romano, Gian Lorenzo Bernini (1598-1680) è il protagonista di una grande mostra sulla sua produzione grafica a Palazzo Barberini dall’11 marzo al 24 maggio 2015. Circa 120 opere, per lo più disegni, ma anche dipinti, sculture e oggetti, illustrano “Il laboratorio del Genio. Bernini disegnatore”, ovvero le varie fasi delle sue creazioni artistiche, che dall’iniziale idea, lo portano, attraverso il segno grafico, alla realizzazione dell’opera d’arte.

    »

  • Cagnetta.jpg
    Articolo di: 
    Teo Orlando

    Il giorno 26 febbraio 2015 presso il Teatro Elettra di Roma è andato in scena "La Cagиetta", uno spettacolo teatrale scritto da Edoardo Carboni, ispirato alla celebre storia di Laika, il primo animale che i sovietici spedirono nello spazio, il 3 novembre 1957, a bordo della capsula spaziale Sputnik 2 (anche se il suo vero nome era Kudrjavka, "ricciolina").

    »

  • Uno-strano-luogo-per-morire-01.jpg
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Con Uno strano luogo per morire la Neri Pozza inaugura una nuova collana, "I Neri", incentrata, pare di capire, su storie tra thriller e noir. Ma sarebbe forse riduttivo considerare il libro in oggetto come solo un thriller, e se la copertina sembra inserirlo, forse con un po’ di ritardo, nell’onda dei gialli scandinavi, il risultato è abbastanza diverso.

    »