Gothic Network 44 Anno IX 15 settembre 2017

Prossimo numero 22 settembre 2017

  • Daniel Barenboim
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il Festival di Salisburgo ha accolto una serie di notabili concerti tra cui due diretti da Daniel Barenboim con la sua Orchestra West-Eastern Divan: quello che abbiamo seguito il 18 agosto nella Großes Festspielhaus presenta un programma che unisce la tradizione austriaca a quella russa con in programma il Don Quixote di Richard Strauss e la Sinfonia n. 5 di Pëtr Il'ič Čajkovskij. L'Orchestra diretta da Barenboim si avvale per la prima parte dei due solisti Miriam Manasherov, alla viola e Kian Soltani al violoncello.

    »

  • Valerian
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il ritorno di Luc Besson alla fantascienza è in sé un evento dopo il capolavoro indimenticabile de Il quinto elemento (1997), cui ha fatto seguito, sulla stessa scia, Lucy con Scarlett Johansson nel 2014, che abbiamo apprezzato molto. Con Valerian e la città dei mille pianeti però si staglia un legame con l'infanzia di Besson, che si è colorata proprio di quegli stessi fumetti che ora hanno un rilievo cinematografico. Per questo, si è avvalso, nella creazione del film, di Pierre Christin e Jean-Claude Mézières, autori del fumetto (il primo alla scrittura, il secondo alle illustrazioni) che è andato per la prima volta in edicola nel 1967 sotto il titolo di Valérian et Laureline. Ascoltiamo dalla voce di Besson come è nata questa passione.

    »

  • Domenico Beccafumi: Santa Agnese e Artemisia
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    La mostra Il Buon secolo della pittura senese è dedicata ai protagonisti della pittura senese tra l'inizio del '500 e i primi decenni del '600, come evidenzia il sottotitolo: “Dalla Maniera moderna al lume caravaggesco”. Si articola in tre sezioni diverse a Montepulciano, San Quirico d'Orcia e Pienza e inoltre suggerisce itinerari a Siena e in terra di Siena, nelle chiese, nei Monasteri, nei musei per vedere gli affreschi o i dipinti che non è stato possibile esporre, per diverse ragioni.

    »

  • Ann-Beth Solvang
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Per le Innsbrucker Festwochen der Alte Musik un appuntamento molto particolare con ben tre Arianne il 24 agosto sera nel regale parterre del Castello Ambras, nella Spanischer Saal (la Sala Spagnola), ovverosia tre versioni di Ariadne auf Naxos (Arianna a Nasso): la prima è una cantata a firma Johann Adolph Scheibe cui segue la cantata del più celebre Joseph Haydn; la terza è a firma Georg Anton Benda, ed è un testo teatrale in un atto con tre attori ed un piano.

    »

  • torino spiritualita
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Dal 21 al 25 settembre torna sotto la Mole Torino Spiritualità, incontri, dialoghi, spettacoli, tra religioni, filosofie, etica, con quest’anno come argomento Piccolo me. Come suggerisce il titolo si parlerà di infanzia e di bambini, per scoprire quanto del piccolo me resta nel grande me che ogni adulto diventa. Ma ci si chiederà anche cosa vuol dire essere bambini in un mondo in cui fanno paura presente e futuro e spesso si sente esaltare solo il passato, in cui ci sono scontri di civiltà, integralismi religiosi, intolleranze, crisi economica e tanto altro e dove sono proprio i più piccoli le prime vittime.

    »