Gothic Network 31 XIII Anno 9 giugno 2021

Prossimo numero 16 giugno 2021

  • Lucia Poli e Marco Scolastra. Credits Max Pucciariello
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Alla IUC, Istituzione Universitaria dei Concerti, Lucia Poli e Marco Scolastra hanno presentato il 29 maggio scorso un divertente e azzeccato spettacolo incentrato su testi e su alcune composizioni di Alberto Savinio, pseudonimo di Andrea Francesco Alberto de Chirico (Atene, 1891 – Roma, 1952), fratello del più celebre Giorgio, artista e intellettuale poliedrico, musicista, pittore, scrittore, scenografo, costumista, regista, drammaturgo, saggista e critico musicale.

    »

  • mutants
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    I cinecomics sono stati i grandi assenti dal cinema l'anno scorso, forse torneranno quest'anno, intorno all'estate, ma nell'attesa si può recuperare in home video The New Mutants, spin-off della serie degli X-Men, uscito in maniera rapida e sfortunata lo scorso settembre al cinema.

    »

  • Antigone
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    In un teatro dal nome di una combattente, Antigone, si è svolta una serata dedicata ad una Musa nelle vesti di una ballerina, Giulia Fabrocile, che ispira ed è a sua volta ispirata da un pittore, nella parte Maury Incen, protagonista con lei di un monologo che si situa a Parigi, un interno bohèmien in cui si potrebbe immaginare Modigliani con la moglie Jeanne, in preda a qualche delirio tra l'amoroso ed il pittorico. “A te che m'hai rubato il cuore” ha presentato lo spettacolo per soli due giorni, il 5 e 6 giugno scorsi, con la Compagnia Danza e Parola.

    »

  • I misteri di Wuhan
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Franco Fracassi ha una lunga carriera da giornalista investigativo ed esperto di geopolitica e, sull'ultima emergenza sanitaria ha scritto due libri: il primo, edito nel 2020, Protocollo contagio; quest'ultimo, recentissimo, I misteri di Wuhan, scoperchia la pentola del “pandemonium” creato dalla pandemia, la cui etimologia non a caso, è connessa. Lo abbiamo intervistato approfonditamente sulla natura del virus e sui “giochi geopolitici” celati dal profluvio di false informazioni e piste deviate della sindemia (un insieme cioè di patologie pandemiche non solo sanitarie, ma anche sociali, economiche, psicologiche), come l'ha chiamata Richard Horton, direttore di The Lancet, una delle massime riviste scientifiche il cui ruolo è stato fondamentale nel dirigere gli stati e le loro politiche sanitarie. L'intervista è molto lunga e sarà divisa in due uscite, questa e la prossima del 16 giugno.

    »