Gothic Network 46 Anno XII 16 ottobre 2020


Prossimo numero 23 ottobre 2020

  • Zaìde
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Per nostra fortuna l'Opera di Roma giunge “salva” in parte dal regime covid, e assicura una programmazione che ricomincia con un singspiel mozartiano postumo ed incompiuto: Zaìde, che data 1780 per la scrittura di Wolfgang Amadeus Mozart e K344 nel suo repertorio, è un misto tra opera buffa e opera seria dal finale misterioso. In questa messinscena con Graham Vick alla regia e Daniele Gatti alla direzione d'orchestra, avremo Remo Girone come novello Calvino della narrazione. Dal 18 al 27 ottobre, con l'anteprima giovani del 16 ottobre, riapre all'opera il Teatro Costanzi.

    »

  • carousel
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Camera, il centro italiano per la fotografia di Torino, ha appena festeggiato il suo quinto compleanno e presenta in questo strano autunno di quasi confinamento due nuove e interessanti mostre a ribadire il suo ruolo in tema.

    »

  • Tasting Theatre Team
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Viene subito in mente il celebre film di Stanley Kramer del 1967 "Indovina chi viene a cena?" con Sidney Poitiers, Katharine Hepburn e Spenser Tracy: un convivio con un ospite speciale, il fidanzato di colore della figlia. Qui, al posto dei pregiudizi razziali, si abbattono invece le paure: prima di tutto quelle relative all'interazione sociale che le misure contro il covid hanno genuflesso all'ennesima potenza. Se prima la gente usciva insieme e poi rimaneva con gli occhi attaccati al cellulare, oggi si vede un potenziale "infetto" in chiunque, aldilà di ogni sana ragionevolezza. Per fortuna siamo in Italia e gli attori, il teatro è sempre foriero di rivoluzioni per rinsaldare quei legami imprescindibili per il vivere in società tra esseri umani.

    »

  • Goethe
    Articolo di: 
    Giuseppe Talarico

    Il valore eterno delle grandi opere letterarie, come nel caso del libro Le affinità elettive di cui è autore Johann Wolfgang Goethe, riproposto all'attenzione di lettori nelle nuova e splendida traduzione di Paola Capriolo dall’editore Marsilio, è dovuto alla capacità di rivelare la natura profonda dei sentimenti e delle passioni,  che sorgono tra le persone innamorate.

    »