teatro

  • Tasting Theatre Team
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Viene subito in mente il celebre film di Stanley Kramer del 1967 "Indovina chi viene a cena?" con Sidney Poitiers, Katharine Hepburn e Spenser Tracy: un convivio con un ospite speciale, il fidanzato di colore della figlia. Qui, al posto dei pregiudizi razziali, si abbattono invece le paure: prima di tutto quelle relative all'interazione sociale che le misure contro il covid hanno genuflesso all'ennesima potenza. Se prima la gente usciva insieme e poi rimaneva con gli occhi attaccati al cellulare, oggi si vede un potenziale "infetto" in chiunque, aldilà di ogni sana ragionevolezza. Per fortuna siamo in Italia e gli attori, il teatro è sempre foriero di rivoluzioni per rinsaldare quei legami imprescindibili per il vivere in società tra esseri umani.

  • Gnecco. La prova di un'opera seria. foto di insieme
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Nel delizioso Teatro Clitunno di Trevi il 4 settembre scorso è andata in scena La prova di un’opera seria su musica di Francesco Gnecco, inaugurazione della 74esima Stagione del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto. Lo spettacolo, per Stagione Lirica Regionale 2020 Umbria Opera Season, dopo le rappresentazioni che si sono svolte a Trevi, nello scorso fine settimana, sarà rappresentata al Teatro Torti di Bevagna il 21 e 22 settembre, al Teatro Subasio di Spello il 23 e il 24 settembre e al Complesso Museale di San Francesco a Montefalco il 25 e 26 settembre.

  • mito
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Dal 4 al 19 settembre prossimi torna tra Torino e Milano MITO Settembre Musica, la kermesse che di solito segna la ripresa delle attività musicali e culturali dopo l'estate, ma che quest'anno assume un significato ancora più importante di ritorno e rinascita.

  • Leonora
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Le Innsbrucker Festwochen der Alten Musik, dedicate alla musica antica sono giunte alla 44° edizione e sono uno dei rari festival quest'anno che hanno, non solo mantenuto date e lunghezza del festival, dal 25 luglio al 30 agosto, ma anche una produzione allo stesso livello straordinario dell'anno precedente - sebbene gli allestimenti siano dovuti essere tutti in forma semiscenica per la crisi sanitaria -, superandolo in alcuni casi come questo, dedicato in tre serate a Leonora, ossia L’amor conjugale con il libretto di Giuseppe Maria Foppa e Giacomo Cinti dal francese «Léonore, ou L'amour conjugal» (1798) di Jean Nicolas Bouilly: la musica è del conosciutissimo Ferdinando Paër (Parma, 1º giugno 1771 – Parigi, 3 maggio 1839). Le tre date sono state quelle del 7, 9 e 11 agosto, nella sala grande del Landestheater di Innsbruck.

  • Le quattro stagioni
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    La nuova coreografia di Giuliano Peparini intitolata Le quattro stagioni, è approdata al Circo Massimo per la stagione estiva del Teatro dell’Opera di Roma: giunto alla sua terza prova per il Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma guidato dall'étoile Eleonora Abbagnato, ha scelto l'opera cardine di Vivaldi per delineare le stagioni di una coppia metaforica, riflesso delle stagioni della vita. Dal 25 luglio fino al 3 agosto al Circo Massimo nel nuovo spazio allestito per l'estate 2020.

  • Propizio sapere dove recarsi. Foto di insieme di Giacomo Bai
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Il Cortile di Palazzo Ricci, sede della Europäische Akademie für Musik und Darstellende Kunst, è stata l’incantevole cornice dove ha debuttato Propizio sapere dove recarsi, il nuovo lavoro scritto da Carlo Pasquini che ha anche diretto i giovani componenti di Formare una Compagnia.

  • Roland Böer  e Daniele Orlandi GIACOMO BAI – DARIO PICHINI STUDIO
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Il 45°Cantiere Internazionale d’Arte è stato aperto a Montepulciano, in Piazza Grande, da un concerto de I Solisti Aquilani con Daniele Orlando, violino solista, e la partecipazione del soprano Adina Vilichi, di Paolo Vaccari, al flauto, di Gianpiero Allegro, Gaetano Schipani, ai flauti dolci, e di Edoardo Filippi, al fagotto, sotto la direzione di Roland Böer.

  • Bollani Jesus Ch Sup Variations.jpg
    Articolo di: 
    Piero Barbareschi

    Piano Variations on Jesus Christ Superstar: un affascinante CD Alobar di Stefano Bollani distribuito da Ducale Music nel quale è proposta una visione personale del celebre Musical di Lloyd Webber “secondo Bollani”, in un'entusiasmante successione di variazioni dei temi contenuti nelle sezioni della pop opera degli anni settanta.

  • Manifesto del 45°Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Il 45°Cantiere Internazionale d’Arte ha come tema Caos e Creazione - Scienza Arte Utopie, il tema scelto dal direttore artistico Roland Böer in tempi non sospetti, ha avuto una valenza profetica che speriamo sia tale anche nel bene, cioè che dopo il Caos sia la Creatività ad emergere come massima espressione del “fuoco”, quello che Prometeo donò agli uomini. Proprio a questo mito aveva infatti pensato il maestro Böer nella ideazione del programma, poi più volte ripensato alla luce dei funesti eventi che si sono verificati. Il Cantiere si terrà dal 23 luglio al 2 agosto 2020, tra Montepulciano e la Valdichiana.

  • Wiesbaden
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il paradosso di questo “stato di emergenza” da covid-19 è questo: ai teatri conviene restare chiusi. Si azzerano le spese dei cast, degli allestimenti, del personale a tempo determinato. E molti stanno seguendo la scia. Ma non tutti, e soprattutto in Germania, in Assia a Wiesbaden, un teatro ha già riaperto con un programma di lieder il 18 maggio scorso che andrà avanti fino al 6 giugno, poi si vedrà, ma il regista e Sovrintendente Eric Uwe Laufenberg – che ho recensito la scorsa estate a Bayreuth per il Parsifal -, è molto chiaro nel suo discorso sulla “Libertà dell'Arte”: “Noi dobbiamo ribellarci a questa dittatura e vivere, tutti moriremo, non dobbiamo avere paura della vita, come non dobbiamo avere paura della morte e dobbiamo vivere come noi vogliamo, non come ci impongono.”