cinema

  • Justice
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    L’universo supereroistico della DC Comics al cinema si arricchisce di un nuovo capitolo, Justice League, seguito di Dawn of Justice e di Wonder Woman, con Zach Snyder al timone probabilmente per l’ultima volta, e un’avventura corale di vari eroi. Dopo la morte di Superman il mondo è allo sbando e gli eroi rimasti, Batman in testa, cercano di fare il possibile contro razzisti, criminali comuni e terroristi.

  • Ofelia non annega
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Nell'ambito del Festival Fuorinorma, proposto e coordinato da Adriano Aprà, che ha debuttato giovedì 26 ottobre all'Off/Off Theatre con il film Per amor vostro di Giuseppe Gaudino, abbiamo visto sabato 2 dicembre al Teatro dei Dioscuri il film-performance di Francesca Fini Ofelia non annega. Il festival prosegue il suo programma di “Cinema espanso” ai Dioscuri sempre dal 2 all’8 dicembre ad ingresso libero e con tre mostre dedicate al cinema con il Premio Pasinetti, a Venezia ed una con le tele suggestive di Guglielmo Ciardi.

  • Guida al cinema fantasy
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    La Odoya edizioni continua la sua opera di divulgazione del genere fantastico presentando una Guida al cinema fantasy, scritta a sei mani da Walter Catalano, Andrea Lazzeretti e Gian Filippo Pizzo. Non è il primo libro ad uscire negli anni nel nostro Paese sull’argomento, ma è senz’altro il più recente ed aggiornato, pronto a raccontare anche le serie televisive di successo di genere fantasy, Game of thrones in testa ovviamente, le ispirazioni dai giochi di ruolo e dai videogiochi, le suggestioni fino ad oggi di un genere che ha alle sue spalle una storia non certo breve.

  • The Void
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Per certi film vale l'assioma Nomen Omen, e mai potrebbe calzare meglio come per The Void, un film che si intitola Il vuoto, a firma di Steven Kostanski e Jeremy Gillespie con Ellen Wong, Kathleen Munroe, Aaron Poole, Kenneth Welsh e Daniel Fathers, in uscita il 30 novembre sul grande schermo. 

  • Stranger Things
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Su Netflix è disponibile la seconda stagione di Stranger Things, serie di genere fantastico diventata di culto l’anno scorso praticamente a sorpresa, pronta quindi di nuovo ad appassionare un pubblico composto in parte anche di nostalgici. I grandi protagonisti di Stranger Things sono infatti gli anni Ottanta, visti con il filtro dell’immaginario nerd e fantastico, attraverso le avventure di un gruppo di ragazzini, eroi per caso come i loro coetanei protagonisti in quel decennio di film cult come Stand by me, ET e I Goonies.

  • Happy End
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Con un titolo come Happy End e la regia dell'austriaco Michael Haneke non ci si può che attendere un film assolutamente crudo, attuale, senza scrupoli di sorta. Ed infatti è proprio così: non attendetevi sconti sulla morale e soprattutto sulla realtà se entrate in un cinema per vederlo. Preparatevi a vedere attraverso quel cellulare che usate così spesso anche voi per riprendere di tutto,  di più, forse troppo a volte.

  • Opéra de Paris
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Al cinema solo per due giorni, il 13 e 14 novembre prossimi, sarà presentato il nuovo il film-documentario di Jean-Stéphan Bron intitolato The Paris Opera. Con  I Wonder Stories l'Opéra de Paris viene presentata attraverso le sue due sedi odierne, ovvero la magnificenza del Palais Garnier vicino alle famose Galéries La Fayette e ed il palazzo ultramoderno e mastondontico della Bastille, con il terzo spazio incentrato sullo sperimentalismo della 3e Scène, nonché con il famoso toro vivo di Romeo Castellucci, sul palco per la prima di Mosé und Aron di Schönberg. Il nuovo Sovrintendente all'Opéra, Stéphane Lissner si trova tra le corna di un ruminante piuttosto grosso e quelle di un direttore del Corpo di Ballo ormai lanciato al New York City Ballet.

  • vittoria
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    L’epoca vittoriana, una delle più emblematiche della Storia europea, rivive in maniera insolita e molto interessante nonché inedita nell’ultimo fatica di Stephen Frears, Vittoria e Abdul.  Ispirato ad una storia vera e scoperta solo nel 2010 con la pubblicazione del libro di Shrabani Basu basato sulla scoperta di documenti rimasti segreti fino a quel momento.

  • Detroit
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il film d'apertura insieme ad Hostiles di Scott Cooper, è stato Detroit di Katryn Bigelow (The Hurt Locker, Zero Dark Thirty, i più recenti): una bomba ad orologeria nell'America WASP (White Anglo-saxon Protestant) o meglio, del suprematismo americano bianco.

  • Crooked House
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il regista Gilles Paquet-Brenner è approdato al Mistero a Crooked House dopo aver reso nel 2015 l'adattamento cinematografico omonimo del romanzo Nei luoghi oscuri (Dark Places) di Gillian Flynn. Con un cast all stars a cominciare da Glenn Close, e poi con Christina Hendricks, Gillian Anderson, Terence Stamp; ed ancora, Julian Sands ed il figlio di Jeremy Irons, Max, anche questa pellicola è l'adattamento cinematografico di un romanzo del 1949 intitolato È un problema (Crooked House) di Agatha Christie.