archivio news

  • Con un prestigioso quartetto di sassofoni iniziano all'Istituzione Universitaria dei Concerti gli appuntamenti della serie Musica pourparler, che si svolgono la mattina alle 11.00: è una formula speciale di concerti destinata a tutti gli appassionati della musica, ma con una particolare attenzione agli studenti, che nelle precedenti edizioni ha avuto un grande successo, collezionando vari esauriti.

  • Per celebrare il il bicentenario di Fryderyk Chopin - nato il 1° marzo 1810 vicino a Varsavia -  la Iuc si è rivolta a uno dei più apprezzati interpreti del compositore polacco, Pietro De Maria, che a tredici anni ha vinto il Concorso Internazionale Alfred Cortot di Milano e negli anni seguenti il Premio della Critica al Concorso Ciaikovskiy di Mosca e i primi premi ai concorsi internazionali Dino Ciani - Teatro alla Scala di Milano e Géza Anda di Zurigo. Il concerto il prossimo martedì 26 ottobre 2010 per la stagione della IUC.

  • Dopo lo strepitoso successo che ha accolto il Guillaume Tell diretto da Antonio Pappano con il Coro e l’Orchestra di Santa Cecilia, un altro importante traguardo è stato raggiunto dall’Accademia, ovvero un sensibile incremento degli abbonamenti alle Stagioni di Musica. Approfondendo questo dato rilevante annotiamo il prossimo concerto con Lang Lang al piano presso Santa Cecilia dal 23 al 25 ottobre 2010.

  • “Nodas” in concerto: Massimo Nardi (chitarra) e Maurizio Lazzaro (oud) si esibiranno sabato 23 ottobre alle ore 18.00 presso il Museo delle Tradizioni Popolari di Canepina (VT) per il secondo appuntamento dell’ottava edizione della rassegna “Incontri Musicali”.

  • «Fenomenologia, ermeneutica e metafisica non sono tre differenti punti di vista, ma piuttosto lo stesso filosofare». Questa profonda affermazione, che chiude e suggella un articolo del 1983 su tre momenti sostanziali del lavoro filosofico, mostra l’autonomia di Hans-Georg Gadamer da limiti di scuola. E ne documenta il tentativo di ricondurre a una sintesi i temi salienti del pensiero germanico, da Kant a Hegel, da Nietzsche a Husserl, da Dilthey a Heidegger. Un convegno su Gadamer fino al 22 ottobre 2010 approfondirà il pensiero del filosofo presso l'Istituto Italiano di Studi Germanici di Roma.

  • A Roma dal 23 al 26 ottobre 2010 si svolgerà nelle quattro Basiliche Papali e in quella di Sant’Ignazio in Campo Marzio il IX Festival Internazionale di Musica e Arte Sacra promosso e organizzato dalla Fondazione Pro Musica e Arte Sacra.

  • Il Festival Valentiniano di Orvieto prosegue con grande successo del caloroso pubblico al Teatro Mancinelli. Dopo le pagine più intense del virtuosismo strumentale (il pianoforte di Alberto Nosé, Massimo Spada e Maurizio Carnelli, il violino della Macha Diatchenko e di Mirei Yamada, la chitarra di Giulio Tampalini) al canto solistico (il Lied con il soprano Joo Cho), dalla musica elettronica ai Preludi di Chopin e ai Sinfonische Etūden di Schumann (nel bicentenario della nascita dei due compositori) fino ad Astor Piazzolla e Scott Joplin reinterpretati da un Quartetto di Fagotti.

  • Martedì 19 ottobre 2010 alle ore 18, presso la Sala del Consiglio Nazionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, S.E. Pietro Vittorelli, Folco Quilici, Mario Lolli Ghetti e Vittorio Sgarbi presenteranno il volume edito da «L’Erma» di Bretschneider Marmorari Magistri Romani di Dario Del Bufalo.

  • Il Guillame Tell di Rossini, con l'Orchestra e il Coro dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretti da Antonio Pappano, inaugurerà la Stagione sinfonica il 16 ottobre 2010, mentre la Lodoïska di Cherubini, nell'interpretazione di Le Cercle de l'Armonie e Choeur Les Elements diretti da Jérémie Rhorer, aprirà quella da camera il 15.

  • La nuova Stagione di opere, balletti e concerti del Teatro dell'Opera di Roma sarà inaugurata il 2 dicembre 2010 dal maestro Riccardo Muti che dirigerà Moïse et Pharaon ou le Passage de la Mer Rouge di Gioachino Rossini. Il direttore artistico Alessio Vlad è riuscito a presentare una Stagione con titoli e interpreti di grande interesse, nonostante lo scarso margine di tempo a sua disposizione per prepararla.