archivio news

  • L'amore può essere declinato in mille modi. La forma più intima per comunicare al pubblico un forte sentimento amoroso, un affetto perduto, è il racconto. L'uomo ha bisogno di raccontarsi per sentirsi vivo. La performance Prove per una rosa a Perugia il 19 novembre 2010 al Combo segue la struttura di “Frammenti di un discorso amoroso” di Roland Barthes per mettere in scena un vocabolario dell'amore/sull'amore attraverso la poesia declamata, la voce come strumento e non come semplice mezzo per riferire un qualcosa di ordinario.

  • Sciopero nazionale per il 22 novembre 2010 per tutti i settori della produzione culturale. Pubblichiamo il comunicato della SAI-SLC CGIL.

  • Dal 16 al 17 novembre 2010 Syrene di Maria Grazia Sarandrea avvilupperà il Teatro Vascello di Roma tra brame antiche e danze sopraffine in prima nazionale. Lo spettacolo è un caleidoscopio di danze, un vortice danzante su uno sfondo di video, immagini fotografiche, pitture. I ballerini liberano una contaminazione di generi e stili che dialogano tra loro: il tango con il flamenco, il contemporaneo con le danze rituali, il ballo di Melusina figura leggendaria delle saghe cavalleresche con la liturgia di Yemaya, divinità delle acque del mare di origine afrobrasiliana, la madre degli orixas.

  • Nell’ambito della manifestazione “Roma in scena – Autunno”, debutta nella suggestiva cornice dei Musei di Villa Torlonia lo spettacolo “Oscure trame” di e con Gabriele La Porta, per la regia di Rosario Galli. Per la prima volta in forma drammatica si alterneranno le voci e la poetica di personaggi storici e illustri pensatori: Jung, Giordano Bruno, Apuleio, Plotino il 12 e 13 novembre 2010.

  • Sempre atteso e gradito il ritorno di Valery Gergiev, uno tra i massimi direttori d’orchestra della scena internazionale, che sabato 13 novembre 2010 (Sala Santa Cecilia ore 18, repliche domenica 14 ore 18 e lunedì 15 ore 21) salirà sul podio dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per dirigere la Sinfonia n. 5 di Gustav Mahler.

  • Il gioco serio dell'Arte, rassegna promossa da Il Gioco del Lotto - Lottomatica, ideata e condotta da Massimiliano Finazzer Flory, giunta alla sua quinta edizione, riprende il prossimo lunedl 15 novembre 2010. Otto incontri, con ben tre spettacoli teatrali, dal 15 novembre 2010 al 30 maggio 2011, animeranno il Salone Pietro da Cortona di Palazzo Barberini, che risplende dopo i recenti lavori di restauro realizzati anche grazie ai Fondi del Il Gioco del Lotto.

  • Fondato nel 1860 il Circolo Scandinavo è nato con lo scopo di ospitare a Roma artisti e scienziati provenienti dalle cinque nazioni del nord Europa: Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia. Il Circolo Scandinavo sostiene e promuove la creazione di nuove opere artistiche in tutti gli ambiti della creatività e della ricerca scientifica, incoraggiando proficui e reciproci scambi culturali tra gli stati scandinavi e l’Italia.Tra gli artisti che hanno beneficiato delle residenze del Circolo, si ricordano Ibsen, Grieg, Strindberg, Carl Nielsen.

  • Un programma in gran parte dedicato alla musica di Antonio Vivaldi quello dell’Ensemble Matheus che venerdì 12 novembre 2010 suonerà nella Sala Sinopoli (ore 20.30) per la Stagione di Musica da Camera dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

  • Giovedì 11 novembre 2010 alle ore 21.15, l’Accademia Filarmonica Romana si sposta al Teatro Argentina per il primo dei suoi concerti nello storico teatro della Capitale, inaugurando il ciclo “Con Schubert. Inseguire la felicità”. Protagonista è il Quartetto Aviv, al suo debutto romano, formato da Sergey Ostrovsky ed Evgenia Epshtein violini, Nathan Braude viola e Aleksandr Khramouchin violoncello. In programma, di Schubert il Quartettsatz in do minore D 703 e il Quartetto in sol maggiore D 887 e di Šostakovič il Quartetto per archi in fa magg. n. 3. Op. 73.

  • Suono nel suono - a Roma dal 9 al 12 novembre 2010 - è questo il nome, scelto dalla Fondazione Isabella Scelsi in collaborazione con il Goethe-Institut Rom e l’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi, per i quattro giorni nel nome di Giacinto Scelsi, a cui verranno dedicati incontri, concerti, una proiezione in anteprima mondiale e un convegno internazionale di studi.