Grandi bugie tra amici. Ah, les beaux temps!

Articolo di: 
Livia Bidoli

Il seguito del film del 2010 diretto da Guillaume Canet, e con quasi tutti gli stessi protagonisti, da François Cluzet, a Marion Cotillard, passando per Benoît Magimel, Gilles Lellouche, Jean Dujardin, fino a Laurent Lafitte, si è fatto attendere quasi dieci anni, ed esce in questi giorni nelle sale italiane distribuito da BIM, Grandi bugie tra amici, che nel titolo originale, rivela molto piu' di quello italiano: Nous finirons ensemble, al pubblico, dopo che lo vedrà, l'ardua sentenza.

C'era una volta Manson. Tarantino rilegge la storia

Articolo di: 
Livia Bidoli

Il nono e nono film di Quentin Tarantino, C'era una volta a Hollywood - presentato a maggio al Festival di Cannes - mette sulla brace il delitto della Manson Family oltreché il declino della carriera di un attore western, certo Rick Dalton, interpretato da Leonardo di Caprio. Controfigura e suo tuttofare nel film è Cliff Booth, nel cui ruolo recita Brad Pitt. Nella parte di Sharon Tate, Margot Robbie: biondissima versione tarantiniana della moglie massacrata di Roman Polanski il 9 agosto 1969.

Spider-Man. Un supereroe per adolescenti

Articolo di: 
Teo Orlando

Avengers: Endgame si era concluso con un funerale, tragico e pieno di speranza a un tempo, a causa di un interrogativo quasi irrisolto: chi avrebbe potuto raccogliere l'eredità di Tony Stark/Iron Man? L'erede designato sembrava essere Peter Parker, in arte Spider-Man o l'Uomo ragno, come era noto ai fans italiani di lunga data dei fumetti Marvel. Spider-Man: Far From Home, il ventitreesimo film del Marvel Cinematic Universe (coprodotto da Columbia Pictures e Marvel Studios, e distribuito da Sony Pictures Releasing), cerca al contempo di riallacciarsi a queste vicende e di presentarsi come il sequel di Spider-Man: Homecoming (2017), anche perché il regista, Jon Watts (con la sceneggiatura scritta da Chris McKenna e Erik Sommers), e l'attore principale, Tom Holland, sono gli stessi.

Rocketman, la vita del divo Elton John

Articolo di: 
Elena Romanello

Il grande successo di Bohemian Rhapsody, il biopic sulla vita dei Freddy Mercury e sui Queen, ha aperto una nuova stagione di film ispirati al mondo della musica rock dell'ultimo mezzo secolo: vari titoli sono annunciati, questa volta è il turno di Elton John in Rocketman diretto da Dexter Fletcher.

La sindrome di Stoccolma. Come innamorarsi del proprio carceriere

Articolo di: 
Teo Orlando

Siamo a Stoccolma, nell'agosto del 1973. Nella locale Kreditbank si presenta un uomo dall'aria eccentrica (l'attore Ethan Hawke), vestito come Capitan America in Easy Rider (tenuta da motociclista e Harley Davidson parcheggiata; da non confondere con il Captain America dei fumetti Marvel) ed estrae un mitragliatore. Dice di chiamarsi Lars Nystrom e intende prendere in ostaggio gli impiegati per costringere la polizia a scarcerare il suo amico Gunnar (Mark Strong).

L'Angelo del crimine. L'estetica del male

Articolo di: 
Livia Bidoli

Dopo l'esordio con Caja Negra nel 2002, il bonarense Luis Ortega presenta a Cannes L'angelo del crimine (El ángel), nella sezione Un Certain Regard un film inspirato alla storia vera del serial killer argentino Carlos Eduardo Robledo Puch. Il film è stato anche selezionato per rappresentare l'Argentina nella categoria Miglior film in lingua straniera ai premi Oscar 2019, ma non ha ricevuto la nomination, nonostante i premi plurimi vinti in vari festival sia dal film sia dal protagonista clamorosamente bravo, Lorenzo Ferro.

Aladdin, tra Disney e Bollywood

Articolo di: 
Elena Romanello

Continua la serie di classici d'animazione Disney trasposti in film dal vivo: stavolta è la volta di Aladdin, diretto da Guy Ritchie, con un cast dove il sempre simpatico Will Smith affianca volti medio orientali, a rimarcare il carattere non occidentale della storia.

Quel giorno d'estate. Un giorno di ordinario terrorismo

Articolo di: 
Livia Bidoli

In Italia non è mai accaduto un attentato terroristico di matrice islamica come in Francia, quindi per risalire alle stragi dobbiamo sempre ricordare quelle, non meno cruente, di matrice nostrana, che siano gli Anni di Piombo o gli attentati mafiosi degli anni '90. A Parigi invece, da almeno 4 anni, da quel 13 novembre del 2015, l'attentato alla discoteca Bataclan, gli attentati e la paura sono all'ordine del giorno. Bisogna conviverci: un giorno di ordinario terrorismo, per parafrasare il ben piu' conosciuto "giorno di ordinaria follia" diretto da Joel Schumacher nel 1993 con Michael Douglas nella parte principale. Fatte queste premesse, possiamo dire che il regista parigino Mikhael Hers con Quel giorno d'estate ci restituisce in quota la stessa alienazione a livello di atmosfera rarefatta e desolata del dopo attentato.

Avengers ultimo atto. Il finale di partita

Articolo di: 
Teo Orlando

Avengers: Endgame è il ventiduesimo film nella storia del Cinematic Marvel Universe, diretto da Anthony e Joe Russo e ambientato dopo le vicende narrate in Avengers: Infinity War. Anche se tecnicamente è un sequel di quest'ultimo e molti elementi sono incomprensibili senza riferirsi agli eventi precedenti, il film ha una struttura narrativa totalmente autonoma e autoconclusiva, scandita in ben tre ore di proiezione.

40 anni con Capitan Harlock

Articolo di: 
Elena Romanello

Quarant'anni fa arrivava su Rai due, nella fascia preserale Capitan Harlock, ideato da Leiji Matsumoto, ancora oggi uno degli anime più amati, soprattutto da chi ragazzino o ragazzina era lì davanti allora ed ha continuato a coltivare questa passione.