77° Biennale Cinema di Venezia. Autori o le Giornate del Coraggio

Articolo di: 
Redazione Gothic Network

Si svolgerà come da tradizione da mercoledì 2 settembre - giorno d’apertura della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia - a sabato 12 settembre la XVII edizione delle Giornate degli Autori, presieduta da Andrea Purgatori e di cui Giorgio Gosetti è il Delegato Generale. Molte le novità previste per quest’anno da Gaia Furrer, che per la prima volta firma come responsabile artistica la selezione ufficiale della sezione autonoma e indipendente promossa dalle associazioni italiane degli autori, ANAC e 100autori.

Le Oscure materie da Philip Pullman in televisione

Articolo di: 
Elena Romanello

Ci sono storie che si rivolgono prevalentemente ai più giovani e sono pensate soprattutto per loro, ma ci sono invece storie che sarebbero per ragazzi ma in realtà sono ottime a tutte le età. Una di queste è la trilogia His dark materials Queste oscure materie di Philip Pullman, oggetto di un ottimo serial prodotto da BBC e HBO, disponibile su Sky in italiano.

Star Trek Picard. Memorie sintetiche

Articolo di: 
Livia Bidoli

La nuova frontiera dell'on line streaming sta conquistando sempre piu' il mercato globale e quella che si vedrà prossimamente dal 24 gennaio su Amazon Prime Video, sarà la nuova serie di Star Trek Picard dedicata al Capitano Jean-Luc Picard, interpretato dall'iconico Sir Patrick Stewart per sette stagioni in Star Trek: The Next Generation (anni '90).

Ritorno nel mondo di Frozen per scoprire il segreto di Arendelle

Articolo di: 
Elena Romanello

Torna al cinema il mondo di Frozen, con il secondo capitolo della saga, Il segreto di Arendelle, che inventa una nuova avventura per Elsa e Anna, due principesse Disney diventate in breve tempo tra le più amate dai fan, soprattutto la prima.

L'ufficiale e la spia. L'affaire Dreyfus secondo Roman Polański

Articolo di: 
Teo Orlando

Siamo nella Parigi fin de siècle, in quella che tradizionalmente viene chiamata La Belle Époque. Pochi mesi prima che i fratelli Lumière diano vita all'avventura del cinema, nel cortile dell’École Militaire di Parigi, Georges Picquart, maggiore (commandant) dell’esercito francese, assiste alla pubblica condanna e all’umiliante degradazione inflitta ad Alfred Dreyfus, anch'egli ufficiale dell'armée francese con il grado di capitano, accusato di essere stato un informatore della Germania guglielmina, tradizionale nemica della Francia. Sicché il 5 gennaio 1895 il promettente ufficiale, di origine ebraica, viene degradato e condannato all’ergastolo nell’Isola del Diavolo con l’accusa di spionaggio. Questo è l'incipit dell'ultimo film di Roman Polański, L'ufficiale e la spia, con un cast comprendente Jean Dujardin, Louis Garrel ed Emmanuelle Seigner.

Il ritorno di Maleficent

Articolo di: 
Elena Romanello

A cinque anni di distanza dal primo capitolo, torna al cinema Maleficent, nel secondo film Maleficent signora del male, di nuovo con il volto di Angelina Jolie, in una storia inedita che apre nuove prospettive nel mondo medievaleggiante della Bella Addormentata.

Anne Frank. La giovane vittima della Shoah e altre vite parallele

Articolo di: 
Teo Orlando

La storia di Anne (in italiano spesso nota come Anna) Frank è troppo nota perché si debba richiamarla alla memoria, e anche da un punto di vista cinematografico è stata oggetto di un film del 1959 diretto da George Stevens (The Diary of Anne Frank). A 90 anni dalla sua nascita, #Anne Frank. Vite parallele, il nuovo film diretto da Sabina Fedeli e raccontato da Helen Mirren rilegge le pagine del suo diario in modo "relazionale", non limitandosi a sottolineare l’intelligenza brillante e il linguaggio moderno di una bambina che voleva diventare scrittrice, ma correlandola con quella di cinque sopravvissute all’Olocausto, bambine e adolescenti come lei, con la stessa voglia di vivere e lo stesso coraggio: Arianna Szörenyi, Sarah Lichtsztejn-Montard, Helga Weiss e le sorelle Andra e Tatiana Bucci.

Escher. La prospettiva illusoria

Articolo di: 
Livia Bidoli

Un regista olandese, Robin Lutz, dirige un film su Escher dscrivendo nel sottotitolo ciò che riassume il vero retaggio di Mauritz Cornelius Escher: la ricerca dell'infinito, attraverso il disegno grafico, ovviamente. Quindi, Escher. Viaggio nell'infinito (tit. orig.: Escher. Journey to Infinity), è un titolo che sarebbe sicuramente piaciuto anche all'autore, che scommettiamo gradirebbe nondimeno Stephen Fry come narratore di sé stesso in prima persona.

Terminator. Dark Fate, ritorno al passato

Articolo di: 
Teo Orlando

Arrivati al sesto capitolo della saga dal lontano 1984, con Terminator. Dark Fate si ritorna al passato, fino a includere il coinvolgimento di James Cameron nel franchise. Mentre altri tre film a tema Terminator e una serie televisiva sono stati prodotti, il coinvolgimento di Cameron e Hamilton durò fino al secondo film della serie. Ma ora, con Terminator: Dark Fate, che continua la storia del Giorno del Giudizio nel presente, ritornano non solo i creatori originari della serie, ma anche un attore "speciale". "Soprattutto, volevamo creare un ritorno alla forma con Dark Fate. Terminator 1 e 2 occupano un posto molto speciale nella storia del cinema e volevamo che Dark Fate fosse la continuazione della visione di Jim per il franchise", spiega il produttore David Ellison. "C'era un solo modo per farlo – e questo poteva accadere solo se James Cameron fosse tornato alla produzione", benché la regia nominalmente spetti a Tim Miller.

Finché morte non ci separi. Quando l'horror diventa black comedy

Articolo di: 
Teo Orlando

La giovane Grace, di estrazione piccolo-borghese e con un passato controverso non estraneo a giri di droga, si sposa con Alex Le Domas, direttamente nella sontuosa magione di famiglia. I Le Domas sono una tradizionale e facoltosa dinastia di produttori di giochi da tavolo.  In seguito, Grace si confronta con una sorprendente tradizione familiare: celebrato il matrimonio, tutti i membri della famiglia si incontrano a mezzanotte per giocare a un gioco di società con la persona che si sposa. Presentano la nuova persona alla famiglia e allo stesso tempo onorano un uomo di nome Le Bail (il cui nome è un anagramma di Belial, un alias di Satana), che ha aiutato il bisnonno dell'attuale proprietario dell'azienda a ottenere la fabbrica di carte da gioco che ha posto le basi per la fortuna della famiglia. Queste le premesse per Ready or Not, in italiano tradotto con Finché morte non ci separi, una singolare black comedy diretta da Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett (due terzi del collettivo cinematografico Radio Silence che ha ideato l'antologia di culto horror del 2012 V/H/S).