arte

  • Marilyn
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Il 1° giugno Marilyn Monroe avrebbe compiuto novant'anni, se fosse sopravvissuta ai drammi e ai traumi di una vita tumultuosa, in un altro mondo e in un'altra realtà. Forse, per la sua fama e non certo per altro, la morte a trentasei anni è stata provvidenziale, visto che più di ogni altra diva e attrice passata e presente è diventata ed è rimasta un'icona.

  • Alessia Babrow
    Articolo di: 
    Carlotta Degl'Innocenti

    La crisi antropologica ha generato una profonda riflessione in diversi campi della ricerca. Da quella storica, sociologica, politico, filosofico-religiosa a quella artistica. Per cui si delinea oggi giorno e si fa sempre più concreta la tesi di una società postmoderna che dal neo liberalismo e capitalismo, è slittata nella dimensione speculativa, distaccata dalla realtà. Ogni elemento o funzione sociale, diventa astratto e l’unico valore di scambio è il denaro e il mercato. L’uomo non è più al centro del progresso, bensì uno strumento in un sistema sociale in cui l’individuo ha perso il suo ruolo e ogni elemento costitutivo della realtà diviene una risorsa: dal paesaggio, al mondo del lavoro, come si evince dall’espressione “human resource”.

  • Dettaglio del mare
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Dopo l'attento e abile restauro dei Laboratori dei Musei Vaticani durato quasi quattro anni, i colori della Galleria delle Carte Geografiche sono tornati a risplendere, grazie al finanziamento di due milioni di euro da parte del Capitolo Californiano dei Patrons of the Arts in the Vatican Museums, associazione di cattolici americani che per statuto finanziano la conservazione del patrimonio artistico della Santa Sede.

  • Gianni Berengo Gardin
    Articolo di: 
    Nica Fiori

    Io vivo fotografando… La fotografia è come la benzina per l’automobile. Mi fa andare avanti, mi dà la carica”. Queste parole del fotografo Berengo Gardin ci fanno capire subito che abbiamo a che fare con un professionista innamorato del suo mestiere, che ci ha donato, a partire dagli Anni ’50 del Novecento, un ritratto veritiero del nostro tempo, e dell’Italia in particolare, come è ben evidenziato nella mostra “Gianni Berengo Gardin. Vera fotografia. Reportage, immagini, incontri”, ospitata a Roma nel Palazzo delle Esposizioni fino al 28 agosto 2016.

  • Ikaro Blu
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Fino all'8 gennaio del 2017 tra le rovine della città coperta dalla lava del Vesuvio nel 79 d.C., Pompei, si potranno osservare le statue gigantiche di Igor Mitoraj (1944-2014), polacco nato in Sassonia e che tanto ha donato all'Italia, uno dei suoi volti spicca sul Lungotevere Flaminio. A Pompei si tratta quasi di un'offerta votiva al sogno che propaga da tutte le sue statue, a partire da Ikaro Blu, del 2013, adagiato nel Foro con gli occhi chiusi dopo la caduta.

  •  Nino Bertoletti (Lamberto Natale)
    Articolo di: 
    Giulio de Martino

    La mostra Roma Anni Trenta. La Galleria d'arte moderna e le quadriennali d'arte (1931 - 1935 – 1939) si visita alla Galleria d’Arte Moderna in via Crispi 4 a Roma fino al 30 ottobre 2016. L’ha promossa Roma Capitale -Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e l’ha curata la Galleria d’Arte Moderna in collaborazione con la Fondazione La Quadriennale di Roma e con foto e filmati  dell’Istituto Luce-Cinecittà.

  • Bushi
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Il MAO, Museo di arte orientale di Torino in via San Domenico 11, inaugura con una mostra fino al 29 maggio:una collaborazione con l'associazione culturale Yoshin Ryu, per raccontare il legame che c'è nella cultura giapponese tra passato e presente, tra cultura alta e cultura pop.

  • doardo Borrani, L’analfabeta
    Articolo di: 
    Giulio de Martino

    Ottocento: così vicino, così lontano. L’arte e la cultura borghesi di appena centocinquanta anni fa ci appaiono allo stesso tempo familiari e remote. La rivisitazione dell’Ottocento assume l’aspetto di una riscoperta. Accade alla mostra I Macchiaioli. Le collezioni svelate, che si visita al Chiostro del Bramante a Roma fino al 4 settembre 2016. Impaginata con cura e con soluzioni critiche e storiche interessanti, presenta al pubblico importanti dipinti dei Macchiaioli toscani e non, appartenenti alla seconda metà dell’800 - alcuni li vediamo per la prima volta - collocandoli nel contesto delle collezioni private e familiari che li ospitarono.

  • Steve McCurry
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Fino al 25 settembre la Citroniera della Reggia di Venaria propone una mostra, reduce da un trionfale tour intorno al mondo, dedicata ad uno dei più grandi reporter contemporanei, Steve McCurry.

  • Particolare di un gioiello Castellani
    Articolo di: 
    Nica Fiori

    È difficile sottrarsi al fascino dei preziosi ori Castellani, recuperati dai Carabinieri del Comando TPC (Tutela Patrimonio Culturale) in seguito a una complessa indagine e presentati alla stampa nella caserma La Marmora, sita a Roma in via Anicia 24, prima del loro prossimo rientro nel Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Da questa collezione di gioielli era talmente attratta una cittadina russa da averne commissionato il furto. E fu così che nella notte di Pasqua del 2013 dei ladri incappucciati, armati di ascia e fumogeni, riuscirono a trafugare 27 preziosi gioielli, il cui valore è stato stimato in oltre tre milioni di euro.