archivio news

  • Niccolò Paganini è noto al grande pubblico per il suo divismo e per la straordinaria padronanza del violino. Studi recenti hanno avanzato l’ipotesi che il talento del compositore genovese sia stato in parte legato a un terribile morbo che lo affliggeva, la “Sindrome di Marfan”, che colpisce il tessuto connettivo e compromette ossa, cuore e articolazioni.

  • Dal 15 al 22 marzo 2019 al Teatro Costanzi va in scena il nuovo allestimento dell’Orfeo ed Euridice di Christoph Willibald Gluck, su libretto di Ranieri de’ Calzabigi, una coproduzione con Théâtre des Champs-Elysées, Château de Versailles Spectacles e Canadian Opera Company. Il capolavoro di Gluck manca sulle scene del Costanzi da cinquant’anni: nel 1968 venne diretto da Ferruccio Scaglia, con le coreografie e la regia di Aurel Milloss e con il ruolo del protagonista affidato a un tenore (Lajos Kozma).

  • Les Contes d’Hoffmann è uno tra i titoli d’opera meno frequentati dai teatri, sebbene di indiscussa bellezza. Scritta da Jaques Offenbach - del quale ricorrono i duecento anni dalla nascita - su libretto di Jules Barbier, (dal dramma omonimo dello stesso Barbier e di Michel Carrè) e ispirato ai racconti di E.T.A. Hoffmann, l’opéra-fantastique sarà il prossimo titolo che il Teatro di San Carlo presenterà dal 17 al 24 marzo, in un allestimento dell’Opera di Montecarlo per la regia di Jean-Louis Grinda.

  • Secondo appuntamento con Emanuel Ax che pochi giorni dopo dopo il successo nel recital per la stagione da camera, giovedi 7 marzo ore 19.30 (repliche venerdì 8 ore 20.30 e sabato 9 ore 18 Sala Santa Cecilia, Auditorium Parco della Musica) sarà nuovamente ospite dell’Accademia nel cartellone della Stagione sinfonica insieme al finlandese Sakari Oramo che, dopo tre anni di assenza, torna a dirigere Orchestra e Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

  • Giovedi 7 Marzo 2019, ore 20:30, l’Oratorio del Gonfalone presenterà “Concerto d’amore in versi” un itinerario poetico-musicale durante il quale il pubblico potrà ascoltare poesie di Neruda, Salinas, García Lorca e Prévert.

  • Greg sarà l’ospite d'onore del concerto di Roma Sinfonietta di mercoledì 6 marzo 2019 alle 18.00 presso l’Università di Roma “Tor Vergata” (Auditorium "Ennio Morricone", Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1).

  • Attesissimo ritorno di Alexander Lonquich a Roma nella stagione della IUC, sabato 9 marzo alle 17.30 nell’Aula Magna dell'Università Sapienza (Città Universitaria, Piazzale Aldo Moro 5). Il pianista tedesco, che da anni si è stabilito in Italia e vive tra Firenze e Roma, ha ideato un concerto a due facce, con una prima e una seconda parte diversissime tra loro, ma complementari.

  • È sempre un gradito ritorno quello del pianista americano Emanuel Ax che sarà in cartellone per la stagione da Camera dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia lunedì 4 marzo ore 20.30 (Sala Santa Cecilia, Auditorium Parco della Musica) con un recital in cui sarà possibile apprezzare la sua poliedricità stilistica e interpretativa.

  • Giovedì 7 marzo al Teatro Argentina per la stagione della Accademia Filarmonica Romana (ore 21) un concerto-reading interamente dedicato all’opera di Antonio Vivaldi ispirandosi al romanzo storico L’affare Vivaldi di Federico Maria Sardelli, edito da Sellerio, vincitore del premio Comisso 2015 per la narrativa.

  • "È un grande gruppo: virtuosismo e musicalità fuori dal comune", ha detto di loro Zubin Mehta, uno dei più grandi direttori d’orchestra della nostra epoca. Roger Bobo, grande virtuoso della tuba, e reputatissimo didatta, un mito per tutti gli ottoni, ha dichiarato:. "Il quintetto d'ottoni più affascinante che io abbia mai incontrato. Un concerto di questo gruppo straordinario è un'esperienza indimenticabile".