Auditorium. La geometria greca dei Van Der Graaf Generator

Articolo di: 
Teo Orlando

Il 3 maggio 2022, dopo undici anni dalla loro ultima "apparizione" romana (era il 4 aprile 2011), i Van Der Graaf Generator tornano ad esibirsi nella stessa Sala Sinopoli dell'Auditorium Parco della Musica che li aveva visti protagonisti di un memorabile concerto che andava ben al di là dei confini del rock progressive, etichetta che ormai li contrassegna fin dai loro lontani esordi nel 1969, con l'album The Aerosol Grey Machine.

Opera di Roma. I Puritani, Elvira da baco a farfalla

Articolo di: 
Livia Bidoli

L'ultima volta è stato il 23 gennaio del 1990: I Puritani di Vincenzo Bellini aveva calcato allora il palcoscenico del Teatro Costanzi, con Chris Merritt e Mariella Devìa, Argiris al batòn e Sequi alla regia. Ventuno anni dopo, il 23 gennaio 2021, Jessica Pratt e Lawrence Brownlee diretti da Roberto Abbado, hanno eseguito l'opera in forma di concerto. Dal 19 al 30 aprile vi è l'allestimento a cura di Andrea De Rosa con Abbado alla bacchetta e di nuovo Jessica Pratt, con John Osborn nel primo cast, che abbiamo seguito.

Opera di Roma. La Total Turandot tra Star Wars e Blade Runner

Articolo di: 
Livia Bidoli

La Turandot in programma a marzo 2020, posticipata al 2021 e rimandata a questo marzo 2022, di due anni dopo, ha finalmente calcato il Teatro Costanzi con la regia, le scene, i costumi e i video dell'artista cinese Ai Weiwei, sul podio l'ucraina Oksana Lyniv ed un doppio cast di spessore. Turandot è, nel nostro, Ewa Vesin, polacca, che abbiamo apprezzato nel composito Angelo di fuoco di Prokofiev, nella versione di Emma Dante. Dal 22 al 31 marzo, il Teatro dell’Opera di Roma diventa multipolare con la versione del capolavoro incompiuto di Puccini immaginata da Ai Weiwei.

San Gemini. Due rare composizioni inaugurano il 1° Festival Sacro In Canto

Articolo di: 
Daniela Puggioni

La suggestiva chiesa di San Francesco di San Gemini ha ospitato il 2 aprile scorso il primo concerto del 1° Festival Sacro In Canto,  il programma è stato incentrato sulla prima ripresa moderna delle Litanie di Stanislao Falchi e sullo Stabat Mater di Luigi Boccherini, le composizioni sono state eseguite da Il Labirinto vocale e l’Accademia Hermans diretti da Fabio Ciofini.

Opera di Roma. Trittico tra gli Oceani di Bosso

Articolo di: 
Livia Bidoli

Al Teatro dell'Opera di Roma il trittico di balletti Forsythe / Inger / Blanc che vede protagonista il Corpo di Ballo dell’Opera di Roma guidato dalla direttrice oro ora confermata per altri tre anni Eleonora Abbagnato, e che come principali interpreti, vede l’étoile Susanna Salvi, i primi ballerini Claudio Cocino, Michele Satriano e Alessio Rezza ha visto la luce il 25 febbraio con repliche fino al 3 marzo.

Opera di Roma. Prima mondiale di Julius Caesar, stella polare e dictator

Articolo di: 
Livia Bidoli

Guardati dalle Idi di Marzo”, profetizza l'indovino e in quella frase è riassunta la caduta di Cesare: l'Opera di Roma apre con un titolo romano e shakespeariano, in prima assoluta, nella Capitale. La musica originale commissionata dal Costanzi per inaugurare la stagione 2021-22 porta la firma di Giorgio Battistelli e sul podio avremo il Maestro Daniele Gatti; il libretto in inglese lo firma Ian Burton e la regia Robert Carsen. Uno stuolo di voci di eccellenza a partire dallo Julius Caesar, il ruolo del titolo, del basso inglese Clive Bayley, che canta questa tragedia sul dictator romano per antonomasia.

Kha Records. L'intarsio per chitarra di Andrea Belmonte

Articolo di: 
Livia Bidoli

L'etichetta discografica indipendente Kha Records la conosciamo approfonditamente per aver inciso moltissime delle perle pianistiche di Alessandro Stella, anche ascoltato dal vivo in vari parterre speciali, come la Fondazione Scelsi a Roma. In questa perla chitarristica ascoltiamo invece Andrea Belmonte, nato a Napoli nel 1996 e che affronta un repertorio in questo CD intitolato Vocal Cords, Italian Themes for Guitar, da Brescianello a Zani de Ferranti, per darne una cognizione cronologica.

Elegia per una democrazia che non c'è e non è rappresentata

Articolo di: 
Livia Bidoli

Dedicato ai portuali di Trieste ed a tutti coloro che combattono per la Libertà.

Se penso a film come Sbatti il mostro in prima pagina oppure Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto mi rendo conto del glaciale divario tra un'epoca in cui i film “engagé” venivano capiti almeno da una parte consistente della popolazione e oggi, in cui il minimo dissenso sembra gettare nel panico la popolazione tutta, aldilà di ogni istanza critica, come se quest'ultima fosse la causa del male e non la sua disamina.

No Green Pass. Proteste contro la discriminazione

Articolo di: 
Livia Bidoli

Le proteste del 9 ottobre in tutta Italia e lo sciopero generale dei sindacati di base dell'11 ottobre 2021 hanno una sola matrice: la lotta contro la discriminazione senza nessuna ratio sanitaria. Il green pass è un lasciapassare di origini fasciste che non ha nessun fondamento scientifico, tantomeno sanitario. E' una minaccia contro la popolazione ed i diritti di tutti, lavoratori e non. A Roma c'erano 50.000 persone pacifiche a Piazza del Popolo, me presente: non ho avuto nessuna difficoltà a girare per tutta la piazza ed ho scattato moltissime foto e video. E spiegherò anche come l'attacco alla CGIL è stata orchestrato e manipolato a fini politici contro la piazza, che rappresenta la voce democratica degli italiani e italiane. 

A Foligno il Festival Segni Barocchi inaugura con musica della Famiglia Bach

Articolo di: 
Daniela Puggioni

Il 42°Festival Segni Barocchi si è svolto a Foligno dal 2 all’8 settembre scorso, tra i concerti che hanno inaugurato la ricca programmazione il 2 settembre, scriviamo di quello dedicato alla musica per flauto traversiere e clavicembalo creata da Johan Sebastian Bach e dai suoi figli, che si è svolto nella Corte di Palazzo Trinci. Ne sono stati protagonisti due eccellenti e prestigiosi interpreti: Rinaldo Alessandrini, al clavicembalo, e Laura Pontecorvo, al flauto traversiere barocco, che hanno riscosso un caloroso successo.