Berlino 29 agosto 2020. Ich bin eine Berlinerin

Articolo di: 
Livia Bidoli

Ich bin eine Berlinerin. Io sono una Berlinese. Mai nella mia vita mi sono sentita più tedesca del 29 agosto scorso: una data storica indimenticabile. Una data che deve far riflettere su come la popolazione germanica abbia modificato il suo percorso attraverso la storia in modo inequivocabile e inderogabile. Due guerre sono state perse, la prima e la seconda guerra mondiale, con degli strascichi enormi per la vita sociale, economica, morale e spirituale di questa nazione ma, come dice la parola "tedesco", che si riferisce alla popolazione (Volk, dem deutschen Volke, come compare sul Reichstag, il Parlamento tedesco), il popolo ha parlato, forte e chiaro per la libertà da qualsiasi condizionamento.

Amelia. L’Orchestra barocca'InCanto' conclude il XLVI Maggio Organistico Amerino

Articolo di: 
Daniela Puggioni

Il XLVI Maggio Organistico Amerino organizzato dall’Associazione Ameria Umbra e dall’Accademia Organistica Umbra, sospeso a causa del Covid, si è svolto ad Agosto. L’articolo riguarda il concerto dell’Orchestra barocca 'InCanto' diretta da Fabio Maestri, che ha chiuso, domenica scorsa, il XLVI Maggio Organistico Amerino, Festival Internazionale d’organo e Musica Antica. All’Ensemble si sono uniti Patrizia Polia, soprano, Laura Pontecorvo, al flauto traverso barocco e Gabriele Catalucci, Presidente e Direttore Artistico dell’Associazione Ameria Umbra, solista all’organo.

Innsbrucker Festwochen 2020. Voces Suaves per Jephte

Articolo di: 
Livia Bidoli

Le Innsbrucker Festwochen der Alten Musik che si concluderanno questa settimana nella cittadina tirolese dopo più di un mese di programmazione, dal 25 luglio al 30 agosto, hanno offerto un panorama veramente denso di appuntameti dedicati alla musica antica. In questo caso, il 10 agosto scorso, hanno aperto uno squarcio religioso con l'Oratorio per antonomasia di Giacomo Carissimi, Jephte, nella suggestiva Jesuitenkirche, insieme a mottetti di Rossi, Frescobaldi, Marazzoli, Vitali, Kapsberger.

45° Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano. Tra Henze, Villa-Lobos e Rimbaud

Articolo di: 
Teo Orlando

Non siamo ancora usciti dall'emergenza determinata dalle misure per contrastare la diffusione del covid 19, ma a Montepulciano hanno scommesso sulla possibilità di tornare a presentare gli spettacoli dal vivo, sia pur con le dovute cautele. Sicché la 45° edizione dei Cantieri internazionali d'Arte (sotto la regia del direttore artistico Roland Böer, coadiuvato per la programmazione dal coordinatore artistico Giovanni Oliva) si è presentata quest'anno in un'edizione che non fa rimpiangere le precedenti. Tra i vari eventi che abbiamo seguito, vorremmo soffermarci su Cellissimo!, un focus riservato ai talenti del violoncello coordinato da Alain Meunier e all'insegna del genio compositivo di Hans-Werner Henze, che al festival Cantieri fu indissolubilmente legato.

45°Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano. Il ritorno di Markus Stenz

Articolo di: 
Daniela Puggioni

Nello spazio rinascimentale di Piazza Grande si è svolto il secondo concerto sinfonico in programma, protagonisti l’Orchestra della Toscana – ORT - e Markus Stenz che al termine sono stati lungamente acclamati dal pubblico, che affollava ogni posto disponibile.

Editoriale. La mappa della problematica

Articolo di: 
Livia Bidoli

Non so quante volte ho dovuto ricominciare a scrivere questo articolo, e probabilmente continuerò a riscriverlo dentro la mia mente, perchè la scomparsa, mai termine fu scelto in modo piu' appropriato, di Ezio Bosso è concretamente legata ai tre mesi di “reclusione” del mondo (quasi) intero e della mia patria.

Tactus. Il Padre Martini inconsueto

Articolo di: 
Piero Barbareschi

Giovanni Battista Martini: “Azione Teatrale, 1726” e “Richiami degli ambulanti al Mercato di Bologna”. Un titolo intrigante di un CD Tactus con la partecipazione di Giacomo Contro, Vincenzo Di Donato, Angela Troilo, il Coro da Camera Euridice e l'Ensemble Circe sotto la direzione di Pier Paolo Scattolin. Un CD che, vista l'importanza dell'autore, suscita immediata curiosità.

Associazione Musicale Lucchese. Pieranunzi, Jin Ju e Philarmonia Chambers Players

Articolo di: 
Piero Barbareschi

Domenica 23 febbraio si è svolto a Lucca nell'”Auditorium del suffragio”, la splendida sala da concerti dell'Istituto Boccherini, un interessante concerto di musica da camera inserito nella stagione dell'Associazione Musicale Lucchese che ha visto protagonisti prestigiosi esecutori: il Quartetto Philarmonia Chambers Players (Sarah Oates e Fabrizio Falasca violini,Yukiko Ogura viola - sostituita in quest'occasione dall'ottimo Francesco Fiore - ed Eric Villeminey, violoncello), Gabriele Pieranunzi, violino e Jin Ju, pianoforte.

Theater Bonn. Dittico tra Lord Chandos e gli ulivi di Beethoven

Articolo di: 
Giuseppina Rossi

Tra gli eventi musicali organizzati a Bonn per i 250 dalla nascita di Ludwig van Beethoven, desta interesse la composizione “Ein Brief” di Manfred Trojahn, tra i più apprezzati compositori tedeschi contemporanei, commissionata dal Teatro della città renana e presentata in prima esecuzione assoluta l’8 febbraio, in un programma che comprendeva l’esecuzione, già di per sé rara, dell’unico Oratorio composto da Beethoven, il Cristo sul Monte degli Ulivi (Christus am Ӧlberge), qui eseguito in una inedita versione scenica.

IUC. L'Intensa interpretazione di Gesualdo de Les Arts Florissants

Articolo di: 
Daniela Puggioni

Lo scorso 15 febbraio sono tornati i bravi interpreti de Les Arts Florissants guidati da Paul Agnew , che nel secondo appuntamento del Gesualdo project, hanno offerto una raffinata esecuzione del Quarto libro dei madrigali di Carlo Gesualdo, principe di Venosa. Una sala affollata in ogni ordine di posti li ha applauditi durante lo svolgimento del concerto e alla fine li lungamente acclamati ottenendo il bis del primo madrigale “Luci serene e chiare”.