Limana Umanìta. Non solo steamfantasy nell'oblio di Simioni

Articolo di: 
Elena Romanello

Cresce e c'è da dire fortunatamente il numero di autori e autrici italiani che si dedicano al fantastico in tutte le sue declinazioni, dalla fantascienza al fantasy a curiose mescolanze che non mancano di stupire.

Galaad. Lermontov, l'Albatro russo di Roberto Michilli

Articolo di: 
Livia Bidoli

Alla fine di un viaggio si raccolgono i remi che, prima, muovevano il flusso dell'acqua e con loro tutto quel catalogo di emozioni e nozioni che si sono apprese durante il movimento dal noi verso il tu, il voi, l'Altro: questo Altro per Roberto Michilli è stato Michail Jur'evič Lermontov (Mosca, 1814 - 1841, Pjatigorsk). Il cammino di questo scrittore è stato ora racchiuso in una biografia prima di tutto poetica, delle gesta e dei versi, che vanno di pari passo, in questa perla russa, dal titolo emblematico di Il prigioniero, ed edito da Galaad, una casa editrice molto attenta alla cura dei dettagli, proprio come i suoi scrittori.

Vivaldi e i misteri di Venezia. Un noir nel Settecento

Articolo di: 
Marianna Dell'Aversana

Un’atmosfera carica di mistero avvolge la Venezia degli anni ’30 del Settecento, una città in cui tutto sembra ammantato da una coltre di nebbia difficile da squarciare, ma dalla quale, allo stesso tempo, dalle pietre stesse e dai marmi prorompono suoni penetranti che s’impongono all’ascolto. Sono queste le sensazioni che si avvertono addentrandosi nella lettura del testo Vivaldi e l’angelo d’avorio del musicologo Mario Marcarini, edito recentemente dalla casa editrice Skira.

Il Saggiatore. Bostridge e la romantica ossessione di Schubert

Articolo di: 
Livia Bidoli

Edito in Italia per Il Saggiatore, Il Viaggio d’inverno di Schubert di Ian Bostridge, tenore inglese dalla fama inalterata e dal suggestivo timbro di voce, che s'inerpica soprattutto ma non solo, nelle Schubertiadi, nei più famosi Lieder di Schubert della Winterreise (Il Viaggio d'inverno), in totale di 24 ma spesso ridotti a dodici nel formato “minore” (chiaramente non in senso stretto), questo volume ci introduce ad una delle summe quasi “teologiche” della letteratura  e della musica romantica tedesca. L'autore l'ha presentato il volume insieme al professore di Musicologia all'Università La Sapienza Franco Piperno la sera di venerdì 27 novembre 2015 nella Stanza della Musica, libreria specializzata accanto alla sede dell'Accademia di Santa Cecilia.

Il Mulino. La ctonia risorsa del mondo

Articolo di: 
Marianna Dell'Aversana

L’umanità di ogni epoca è ricorsa, per un forte impulso interiore, al pensiero magico, tentando in tal modo di squarciare il velo dell’occulto, rendendolo più visibile. E proprio alla scoperta di questo “contenitore di paure e di illusioni della nostra specie” ci conduce il testo di Giulio Guidorizzi La trama segreta del mondo, edito recentemente da Il Mulino.

Solfanelli. Nel bagliore di Rossini di Mario Dal Bello

Articolo di: 
Livia Bidoli

Uno dei più grandi compositori della storia della musica visto dagli occhi di una grande esperto: Rossini Il teatro della luce, edito in questi giorni da una storica casa editrice come Solfanelli, è giunto alla pubblicazione, e già sommerge di bagliori la storia lastricata di divagazioni in musica e dalla musica del talentuoso autore de Il Barbiere di Siviglia, L'Italiana in Algeri, Guglielmo Tell.

Giunti. Una nuova saga fantasy per Silvana De Mari

Articolo di: 
Elena Romanello

Silvana De Mari, pluripremiata e tradotta autrice di fantasy non certo solo per ragazzi (anzi), famosa per i suoi approfondimenti sul fantastico in chiave storica e psicanalitica anche in conferenze e spettacoli teatrali e per il suo impegno civile contro discriminazioni e violenze, torna in libreria con una nuova saga per un nuovo editore per lei, la Giunti. Si tratta della serie di Hania, che inizia con un prequel, una storia di un centinaio di pagine, Il regno delle tigri bianche, ambientato una ventina d’anni prima delle vicende che verranno poi raccontate nella serie vera e propria.

Adelphi. Nabokov nel “naso” di Gogol'

Articolo di: 
Livia Bidoli

Sotto la firma di Vladimir Nabokov (San Pietroburgo, 1899 - Montreux,1977), è uscito per Adelphi un saggio su Nikolaj Gogol' (Soročynci, 1809 – Mosca, 1852) che attirerà soprattutto gli specialisti: difatti si chiarisce quasi subito nel libro, oltre a rilevare una particolare cura nella stesura che, testuale da parte di Nabokov: ”Questo piccolo libro mi è costato più fatica di qualsiasi altro. La ragione è chiara: dovevo prima creare Gogol' (tradurlo) e poi analizzarlo (tradurre le mie idee russe su di lui)”.

MAXXI. Il vento orfico di Dino Campana nella voce di Vinicio Marchioni

Articolo di: 
Livia Bidoli

Su una distesa di alberi specchiati gli uni negli altri ed illuminati da lampadine come primevi alberelli luminari - Great Land, opera vincitrice di Young Architects Program 2015 -, due lettori dell'opera di Dino Campana nel suo periodo più sofferto, i suoi 14 anni di manicomio. Il primo lettore è testuale, narrativo come gli scritti, focoso come i Canti Orfici e la voce di Campana abbisogna: è Vinicio Marchioni. L'altro, Ruben Rigillo, musico sottile, canterà sottovoce, martellando con le dita una cassa acustica di echi affilati e profondi, connettendo il tessuto delle grida con le parole della musica.

Fama tardiva. Il romanzo postumo di Schnitzler edito da Guanda

Articolo di: 
Eleonora Sforzi

Un'uscita editoriale particolarmente affascinante, quella del romanzo postumo di Arthur Schnitzler, pubblicato da Guanda nel maggio scorso con il titolo, denso di significato, di “Fama tardiva”. Si tratta di un testo in cui il celebre scrittore austriaco - scomparso nel 1931 - conferma ai lettori che già ne conoscono lo stile narrativo, molto influenzato dagli studi legati alla psicoanalisi, una moderna capacità di tratteggiare i personaggi delle vicende e, soprattutto, il loro spessore psicologico, che molto spesso deve essere colto "leggendo tra le righe".