libri

  • Gli Esiliati
    Articolo di: 
    Carlo Taddeo

    Uscite dal mondo è il titolo di un fortunato volume del saggista torinese Elémire Zolla che anticipava e esplorava le prime ricerche sulla realtà virtuale. Novità, allora, stupefacenti che avrebbero reso, di lì a poco, alla portata di tutti tanto le visioni mistiche di uno yogi, quanto il volo in un aereo e forme di erotismo estremo o quantomeno insolito.

  • 9788893441667_0_0_0_80.png
    Articolo di: 
    Giuseppe Talarico

    I libri di memorie, di cui sono autori i giornalisti autorevoli, hanno la capacità di cogliere lo spirito del tempo con una efficacia sorprendente e stupefacente. Questo è il caso del libro di cui è autore Ferruccio de Bortoli, ex direttore del Corriere della Sera e del Sole 24 ore, intitolato Poteri forti (o quasi), pubblicato dalla casa editrice La nave di Teseo.

  • Lutero
    Articolo di: 
    Giuseppe Talarico

    È divenuto uno stereotipo da tutti accettato il convincimento storico  che contrappone l’Europa del Nord, protestante e riformata, a quella del Sud, erede della controriforma tridentina. Per risalire agli avvenimenti storici da cui ha tratto origine questa differenza di civiltà in seno alla cultura Europea è utile la lettura del libro di Volker Reinhardt intitolato Lutero l’eretico. La Riforma protestante vista da Roma, edito dalla casa editrice Marsilio nella collana Biblioteca.

  • Mufant
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Il Mufant, Museo del fantastico di Torino in via Reiss Romoli 49 bis, inaugura nuove sezioni e allestimenti, grazie al bando Culturability, che ha premiato il suo impegno di realtà di cultura di frontiera in periferia. La sezione sulla Rai è stata spostata al piano terra, con un allestimento di arte contemporanea che racconta una stagione tra anni Sessanta e Settanta fatta di produzioni e coproduzioni, con sceneggiati come A come andromeda e la partecipazione a serial cult come Spazio:1999.

  • jane austen
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Pubblicò i suoi libri senza firmarli, visse solo 42 anni in maniera molto ritirata, ed oggi è una vera e propria icona pop: Jane Austen continua ad appassionare e ad ispirare i vari medium, una delle ultime opere è una graphic novel italianissima, di Manuela Santoni, uscita per Becco Giallo.

  • Marías.jpg
    Articolo di: 
    Giuseppe Talarico

    Vi sono opere letterarie che riescono a cogliere e a rappresentare la complessità della storia di un paese in alcuni casi in modo sorprendente e illuminante. Questo è il caso del libro del grande scrittore spagnolo, una della più importanti figure della cultura contemporanea, Javier Marías, edito in Italia dalla Einaudi con il titolo Così ha inizio il male.  

  • Jacopo Nacci
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    La casa editrice Odoya presenta nella sua collana dedicata al genere fantastico in tutte le sue forme e accezioni il saggio Guida ai super robot, di Jacopo Nacci,  dedicato ad alcune icone ben note a chi era bambino o adolescente negli anni Settanta: i robottoni animati giapponesi.

  • Ilaria Gaspari
    Articolo di: 
    Teo Orlando

    In Italia è ben poco diffuso il genere letterario noto nei paesi anglosassoni come campus novel o academic novel, ossia un tipo di romanzo ambientato prevalentemente all'interno di un campus o di un college universitario. Una felice eccezione è costituita dal romanzo di esordio di Ilaria Gaspari, Etica dell'acquario, pubblicato da Voland: l'autrice immerge i protagonisti in uno scenario, quello della Pisa della Scuola Normale Superiore, che in qualche modo è un sottoinsieme della città ma ne è anche separato, come se fosse un universo a sé stante.

  • Meneghello
    Articolo di: 
    Giuseppe Talarico

    L’opera di un grande autore può essere interpretata da angolazioni diverse e in base a chiavi di lettura sorprendenti per la loro capacità di illuminazione. Questo pensiero affiora nella mente dl lettore del libro Meneghello: solo donne, pubblicato dall’editore Marsilio, di cui sono autori due studiosi, Ernestina Pellegrini, docente di letterature comparate presso l’università di Firenze, e Luciano Zampese, che insegna linguistica presso l’università di Ginevra.

  • Vangelo di Malavita
    Articolo di: 
    Barbara Gigliotti

    Vangelo di Malavita di Claudio Metallo non è un libro che finisce con la lettura dell’ultima pagina. E non perché si dà spazio ad un sequel. Non finisce perché una volta chiuso ogni personaggio prende nuovamente corpo: le scene narrate sono destinate a restare inchiodate nella nostra mente.