musica

  • Placido Domingo
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il tenore, baritono, direttore d'orchestra Placido Domingo torna a Caracalla dopo 30 anni: l'ultima volta è stata, come cantante. nel 1990, in un’indimenticabile serata dedicata ai “Tre tenori” insieme a José Carreras e a Luciano Pavarotti. Il prossimo 7 agosto sarà nello scenario antico romano delle Terme di Caracalla come interprete del Galà Placido Domingo Noche española, omaggio alla sua terra natìa, la Spagna, con canzoni spagnole e arie da famose zarzuelas, e che vedrà la partecipazione anche della Compagnia di ballo Antonio Gades di Madrid.

  • Giovanni Legrenzi
    Articolo di: 
    Piero Barbareschi

    Le Sonate a Due e Tre di Giovanni Legrenzi in un CD Stradivarius, distribuito da Milano Dischi, nell'interpretazione dell'Insieme Strumentale di Roma. Una registrazione che contribuisce a dare visibilità ad un compositore barocco fondamentale per le intuizioni musicali e gli influssi esercitati su tutti i più importanti compositori dell'epoca e successivi.

  • Gábor Takács-Nagy
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Dal 19 luglio fino al 3 agosto prossimo, il Verbier Festival, giunto alla sua 26° edizione, ci conduce tra le alpi svizzere nel Canton Vallese nel comune di Bagnes, sotto il San Bernardo, alla proclamazione della festa della musica con star da tutto il mondo, a cominciare dal concerto di apertura del 18 luglio con Valery Gergiev alla direzione e Kristóf Baráti al violino con un programma tutto russo. E russo è anche il pianista che abbiamo seguito nella stessa Salle des Combins, ovvero Danil Trifonov in duo col suo maestro armeno, Sergei Babayan, il 21 luglio, nel primo dei nostri concerti. Alla conduzione della Verbier Festival Orchestra, il Maestro ungherese Gábor Takács-Nagy che, con l'occasione, abbiamo intervistato.

  • Alda Caiello e MACH ensemble
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il tema del  XV° Festival Internazionale Musica sull’Acqua che si svolge ogni anno sul lussureggiante Lago di Como è Movimento. Inauguratosi lo scorso 6 luglio e terminato proprio ieri, 20 luglio, con l'ultimo dei suoi concerti con la MACH Orchestra, che ha debuttato lo scorso anno, nella Basilica San Nicolò a Lecco  sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo. Siamo andati ad ascoltare un'esecuzione molto particolare e rara, lo scorso 14 luglio, ovvero quella de La Création du monde di Darius Milhaud e le Folk Songs di Luciano Berio interpretate dalla voce scelta dal compositore stesso per darle voce – dopo la scomparsa di Cathy Barberian -, ovvero il soprano Alda Caiello.

  • Requiem
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Al 71° Festival International Lyrique d'Aix-en-Provence un'altra nuova produzione di dimensioni atemporali come vuole l'opera che per la prima volta viene messa in scena: la grande messa per i defunti, il Requiem in re minore K626, che Wolfgang Amadeus Mozart non terminò. Ultima opera prima della sua scomparsa, è sempre sembrato un messaggio ultimo ed epocale, nonché ennesimo capolavoro. In questo allestimento a cura di Romeo Castellucci che abbiamo seguito lo scorso 8 luglio, abbiamo ascoltato alla direzione dell'Orchestra e del Coro Pygmalion il Maestro Raphaël Pichon presso il soprendente palcoscenico del Théâtre de l'Archevêché in replica il 10,13,16,18,19 luglio.

  • Listz Ingrid Carbone.jpg
    Articolo di: 
    Piero Barbareschi

    Franz Liszt: Les harmonies de l'esprit - Sacred Piano Works. Un CD Da Vinci Classics che rappresenta l'esordio nel mercato disografico della giovane pianista Ingrid Carbone e che propone alcuni brani lisztiani particolarmente ispirati e di grande raffinatezza.

  • Les mille endormis
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Ad Aix en Provence al 71° Festival International d'Art Lyrique una creazione mondiale commissionata dal Festival a due israeliani: il compositore Adam Maor ed il drammaturgo, in questo caso librettista e regista dell'opera, Yonatan Levy. Opera da camera, Les Mille Endormis (i mille dormienti), è stato presentato il 6 luglio al Théâtre du Jeu de Paume, con repliche l'8, il 10, il 12 ed il 14 luglio scorso. Sul podio una giovane direttrice d'orchestra svizzero-australiana ed artista dell'Académie, Elena Schwarz.

  • Mahagonny
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il 71° Festival International d'Art Lyrique d'Aix-en-Provence, inauguratosi lo scorso 6 luglio e che termina il 22 dello stesso mese, presenta delle opere prime incredibilmente attuali e con registi nonché direttori amplificati dalla nuova direzione di Pierre Audi: il primo degli spettacoli che recensiamo è la grandiosa opera che Bertold Brecht e Kurt Weill hanno scritto agli albori del nazismo, il 9 marzo 1930: Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny, Ascesa e caduta della città di Mahagonny. Al Grand Théâtre de Provence e per la prima volta al Festival d'Aix-en-Provence l'abbiamo vista lo scorso 9 luglio alla sua seconda rappresentazione (repliche fino al 15 luglio) con un cast eccezionale, la direzione del Maestro Esa-Pekka Salonen e la regia di Ivo van Hove, il regista è per la prima volta ad Aix.

  • Aida
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Un doppio cast internazionale per Aida, che torna dopo otto anni alle Terme di Caracalla nel nuovo allestimento con regia, scene, costumi e luci Denis Krief diretta da Jordi Bernàcer: inizia così il 4 luglio la stagione estiva dell’Opera di Roma:l’Aida di Verdi,  spettacolo simbolo degli allestimenti nell’antico scenario delle Terme di Caracalla è molto atteso dal pubblico romano e dai turisti. Fin dalla prima rappresentazione all’aperto nel 1938 e poi, dopo l’interruzione dovuta alla guerra, dal 1945, la presenza dell’opera di Verdi è stata infatti pressoché ininterrotta nelle stagioni estive fino al 2011.

  • Punzi Salvato.JPG
    Articolo di: 
    Piero Barbareschi

    Bassi, Della Giacoma, Labanchi, Lovreglio, Savoia: Fantasie d'opera per clarinetto e pianoforte. Un CD Tactus che vede protagonista un giovane ma affermato clarinettista Italiano, Giovanni Punzi, accompagnato al pianoforte da Amedeo Salvato.