musica

  • Detlev Glanert
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Quest'anno il workshop di composizione De Musica ovvero la fabbrica della creatività è stato affidato a Detlev Glanert, musicista tedesco di chiara fama tra i più interessanti della sua generazione.

  • Moreau e il Pomo d'Oro
    Articolo di: 
    Livia Bidoli e Lorenza Masi

    L'epoca d'oro appunto tra Barocco, Belcanto e Classicismo, il Settecento, fino ad arrivare alla sua conclusione “rivoluzionaria” ma senza toccarla invero tra le note, è periodo per la ricerca della bellezza massima e pura, come il nome dell'ensemble che accompagna il virtuoso solista francese al violoncello, Edgar Moreau, riassume con il famoso souvenir della diatriba tra le dee. Alla Iuc, l'Istituzione Universitaria dei Concerti de La Sapienza di Roma, abbiamo potuto prelibare il nostro palato musicale scorrendo sabato scorso 16 dicembre, e prima del Natale, compositori dal nome di Hasse, Piatti, Durante, il pluricelebrato Vivaldi, Telemann, per concludere con il virtuoso al violoncello, autore di tanta premiata musica per lo strumento solista per eccellenza di questo glorioso secolo, Luigi Boccherini.

  • Gould Urania records.JPG
    Articolo di: 
    Piero Barbareschi

    Un CD di Glenn Gould attira sempre l'attenzione. Questo bellissimo doppio realizzato da Urania Records e distribuito da Ducale non passa sicuramente inosservato. Questa etichetta non è nuova ad iniziative del genere, volte a valorizzare e soprattutto a non far dimenticare artisti che hanno segnato la storia dell'interpretazione moderna. In questo caso sono proposte preziose ed interessantissime registrazioni con orchestra realizzate fra il 1951 ed il 1962, anni nei quali Gould svolgeva ancora un'attività artistica per così dire “normale”, esibendosi sia come solista che con orchestra, prima del clamoroso ritiro dalle scene nel 1964 per dedicarsi esclusivamente alla realizzazione di registrazioni in studio.

  • Alessandro Stella
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Il pianista Alessandro Stella ha omaggiato il compositore georgiano Giya Kancheli nell'Aula Magna de La Sapienza, Università di Roma nell'ambito del ciclo di concerti della IUC, l'Istituzione Universitaria dei Concerti. Il 5 dicembre sera ha eseguito per intero le Diciannove miniature tratte da Simple Music for Piano di Kancheli nella prima parte del concerto; e nella seconda, in prima italiana, il ciclo completo delle dodici Miniatures for voice and piano, su testi originali di Ia Sakandelidze
, e con Nino Surguladze alla voce.

  • Spira Mirabilis
    Articolo di: 
    Giuseppina Rossi

    L’esecuzione della prima sinfonia di Brahms da parte di una compagine orchestrale oggi giorno raramente può definirsi un evento, come sicuramente lo fu la prima esecuzione tenutasi a Karlsruhe il 4 novembre 1876, con il mondo musicale germanico in trepida attesa dell’erede del sinfonismo beethoveniano. Ma il concerto dell’orchestra Spira Mirabilis tenutosi a Roma il 21 novembre per l’Istituzione Universitaria dei Concerti, in qualche modo un evento lo è diventato.

  • Resonating Body
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Sabato 25 novembre negli spazi del Macro di Via Nizza a Roma è stato presentato l'appena edito CD di Patrizio Esposito dall'etichetta Stradivarius: insieme al Maestro Esposito, Andrea Pennacchi al bajan che ha eseguito musiche dal CD Resonating Body. Hanno introdotto Silvia D´Augello e Cristina Cimagalli, la prima pianista e la seconda docente di Storia della Musica al Conservatorio Alfredo Casella de L'Aquila.

  • Martha Argerich
    Articolo di: 
    Daniela Puggioni

    Giovedì scorso il Teatro Morlacchi di Perugia, esaurito in ogni ordine di posti, è stata la perfetta cornice dell'entusiasmante concerto che ha visto un pubblico estasiato tributare una standing ovation ai protagonisti, Martha Argerich e la Die Deutsche Kammerphilharmonie Bremen diretta da Vladimir Jurowski.

  • Alexander Malofeev
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Alla IUC - Istituzione Universitaria dei Concerti si è esibito per la prima volta in Italia sabato 11 novembre  un pianista russo di soli 16 anni presentando un programma tra i più impervi della storia della musica per piano: dal misterico Gaspard de la nuit di Ravel; poi la Sonata n. 2 di Rachmaninoff – brano accorciato per l'estrema complessità dal compositore stesso -; la Sonata n.2 di Chopin con la celebre marcia funebre ed ha ultimato il suo concerto da vero virtuoso, con la Sonata n. 7 di Prokofiev.

  • Mikko Franck
    Articolo di: 
    Livia Bidoli

    Per l'attesa triade di concerti che danno il benvenuto al primo Direttore ospite principale Mikko Franck, che ha debuttato qualche anno orsono con la direzione della Patetica di Ciaikowskij, abbiamo potuto ascoltare dalla sua stessa voce la presentazione del concerto a Roma nella prestigiosa Accademia di Santa Cecilia il prossimo giovedì 16, venerdì 17 e sabato 18 novembre.

  • barocco
    Articolo di: 
    Elena Romanello

    Torna a Torino la sedicesima edizione de L'Allegro, il Penseroso ed il Moderato, organizzata dall’Accademia del Santo Spirito, rassegna musicale dedicata al barocco, con otto concerti incentrati sulla musica dei secoli XVII e XVIII.