archivio news

  • La nuova stagione concertistica dell’Oratorio del Gonfalone presenta giovedì 7 novembre, ore 20.30, una serata dedicata alla Roma Barocca, con protagonista lo Stradella Y-Project, formazione musicale nata nel 2011 all’interno del Conservatorio “A. Casella” di L’Aquila, diretta dal M° Andrea De Carlo.

  • Mario Brunello, tra i massimi interpreti contemporanei dalla letteratura violoncellistica, ritorna ospite del cartellone di Santa Cecilia per il secondo appuntamento della Stagione da Camera, mercoledì 6 novembre ore 20.30 (Sala Sinopoli, Auditorium Parco della Musica) con una monografia dedicata a Bach.

  • Pippo Delbono ed Enzo Avitabile protagonisti martedì 5 novembre 2019 alle 20.30 all’Aula Magna della Sapienza per la stagione della IUC - Istituzione Universitaria dei Concerti. Questo concerto-spettacolo del regista e attore ligure e del cantante e polistrumentista napoletano, intitolato “Bestemmia d’amore”, sfugge ad ogni definizione: “È un canto un concerto - così lo descrive Pippo Delbono - dove le parole diventano musica. Per parlare di questo tempo volgare e sacro, nero e luminoso, duro e dolce. Per parlare ancora dell’amore. Dell' amore bestemmiato, ferito, affogato, ucciso, rinato, ucciso ancora, ancora vivo”.

  • Sol Gabetta inaugura il 7 novembre al Teatro Argentina la stagione concertistica n. 199 dell’Accademia Filarmonica Romana. La celebre violoncellista argentina in duo con il pianista Nelson Goerner esplora il repertorio cameristico di Schubert, Franck e Brahms attraverso la profonda cantabilità del suo strumento. E’ l’inaugurazione concertistica n. 199 quella che sigla l’apertura della stagione 2019-20 dell’Accademia Filarmonica Romana firmata dal direttore artistico Andrea Lucchesini.

  • Martedì 20 novembre 2019 alle ore 18,30 si inaugurerà nelle sale espositive della Cappella Orsini, la mostra/laboratorio dal titolo L’Effettismo.Corrente di pittura contemporanea, che presenterà i lavori dei 13 artisti firmatari del Manifesto di questo nuovo movimento.

  • Si svolgerà a Venezia, dal tre al dieci novembre, presso Palazzo Albrizzi Capello la prestigiosa mostra omaggio a Gianni Dunil, tributo ai suoi cinquanta anni di carriera. Gli spazi dedicati alla rassegna saranno le sale della Biblioteca del Teatro Contemporaneo Europeo che ospiteranno i trenta migliori artisti italiani, scelti direttamente dal curatore. In scena un arte che approfondirà la sensibilità dell’epoca contemporanea provando a dare risposta all’incessante mancanza di ideologia propria dei tempi attuali. Si passerà dall’astratto al figurativo laddove le tavolozze cromatiche varieranno da scambi di colori vibranti a toni sorprendenti conferendo in una sfera spirituale trascendente nuova luce ad una bella e rara pittura.

  • Sarà in scena al Teatro dell’Opera di Roma dall’8 al 16 novembre Idomeneo, re di Creta, raro titolo mozartiano che unisce il nitore classico del mito greco a un linguaggio teatrale aperto alle riforme operistiche del secondo Settecento. Un ritorno molto atteso perché nel nostro teatro Idomeneo era stato rappresentato una sola volta nel 1983 diretto da Peter Maag e con la regia di Luciano Damiani. Sul podio ci sarà Michele Mariotti al suo debutto all’Opera, mentre alla regia torna Robert Carsen. La “prima” di venerdì 8 novembre, ore 19.30, sarà trasmessa in diretta da Rai Radio3.

  • Alice ovvero un salto nel paese delle meraviglie "Ma se non sono la stessa dovrò domandarmi: chi sono dunque? Questo è il problema… povera me! Come ogni cosa è strana oggi". Dice Alice nella tana del Bianconiglio, prima di avventurarsi nel paese più strano che sia mai stato inventato: il Paese delle Meraviglie. La curiosità muove Alice nelle sue peripezie in un mondo sottosopra, popolato da personaggi curiosi e bislacchi e dove il non-senso regna sovrano.

  • Ogni volta che Martha Argerich sale sul palco dell’Accademia di Santa Cecilia, per il pubblico è come se fosse sempre la prima volta. Interprete eccezionale e dotata di un’imponente personalità, con più di sessant’anni di carriera internazionale alle spalle, a soli 24 anni vinse il prestigioso Concorso Chopin che cambiò il suo percorso artistico e le valse la nomea di “Black panther of the piano”.

  • Il Festival di Musica Sacra nelle Basiliche del Celio, giunto ormai alla sua nona edizione, prosegue nel suo intento di offrire un’occasione d’ascolto della produzione musicale sacra, vocale e strumentale, per lo più di epoca rinascimentale e barocca, eseguita con strumenti storici nei luoghi sacri per i quali questa musica era stata composta.